Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicare la sicurezza a Perugia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

In Italia, come del resto negli altri paesi occidentali, un comportamento del genere è espressamente vietato dal codice penale, che all’articolo 556 prevede che: “chiunque, essendo legato da matrimonio avente effetti civili, ne contrae un altro pure avente effetti civili, è punito con la reclusione da uno a cinque anni”. Questa concezione relativistica della devianza è stata sostenuta con forza, negli ultimi trent’anni, da molti studiosi di scienze sociali. Ma essa è altresì molto antica. “Nulla si vede di giusto e ingiusto che non muti qualità col mutar del clima”, scriveva Blaise Pascal (Pascal, 1962). È tuttavia sbagliato pensare che tutte le norme sociali e tutte le forme di devianza siano relative. Le ricerche condotte nell’ultimo secolo dagli storici e dagli antropologi hanno mostrato che, se è vero che il modo in cui sono stati percepiti e giudicati alcuni comportamenti è vietato, con notevolissime variazioni nel tempo e nello spazio, è altrettanto vero che vi sono atti che, salvo rare eccezioni, sono stati condannati sempre e comunque (Hoebel, 1973). Questi atti sono quattro. Il primo è l’incesto fra madre e figlio, fra padre e figlia e fra fratello e sorella. Si tratta di un atto universalmente proibito, con rarissime eccezioni. La più famosa si è avuta nell’antico Egitto, dove il matrimonio tra fratello e sorella era ammesso e persino incoraggiato nelle famiglie degli strati sociali più elevati. Ma anche in questo caso le nozze fra madre e figlio e fra padre e figlia erano vietate. Il secondo è il furto ai danni di una persona del proprio gruppo. Il terzo è lo stupro di una donna sposata. Il quarto è l’uccisione di un membro del proprio gruppo. 15

Anteprima della Tesi di Christian Paulonia

Anteprima della tesi: Comunicare la sicurezza a Perugia, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingua e Cultura Italiana

Autore: Christian Paulonia Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2980 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.