Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il corpo ingannato tra metafisica e tecnologia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 Prefazione L’analisi sul rapporto tra corpo e tecnica (l’analisi delle implicazioni della tecnologia sul corpo) non può limitarsi ad una semplice raccolta di dati concernenti una qualche “situazione attuale” del corpo, una sorta di sondaggio, come i tanti, che riempiono giornali, riviste, televisione, a tema “corpo e tecnologia nella società occidentale”. Un simile studio deve necessariamente chiarire in via preliminare le relazioni che intercorrono tra “corpo”, “anima”, “io”, “persona”. Fin dall’inizio il problema del corpo si mostra perciò quanto mai spinoso: sempre presente nel pensiero dei filosofi, non è però mai analizzato come oggetto di studio specifico – se non in alcuni autori, come Merleau-Ponty 1 . In effetti, il corpo ha cominciato ad imporsi come problema da studiare solo in tempi relativamente recenti: almeno fino a Descartes, è rimasta sostanzialmente immutata la definizione aristotelica di corpo, per cui “corpo” sarebbe ciò «che ha estensione in ogni direzione» 2 . Già con Platone il corpo viene trattato quasi esclusivamente di riflesso all’anima e in un senso eminentemente negativo 3 . Tale negatività accompagnerà sempre la riflessione sul corpo, e rimarrà pressoché intatta anche quell’altra definizione aristotelica che vuole il corpo «un certo strumento naturale» 4 dell’anima, come la scure lo è del tagliare; poco 1 Nelle sue riflessioni Merleau-Ponty ha sempre dedicato molto spazio al corpo, in particolare alla carne. Naturalmente il riferimento obbligato è alla Phénomenologie de la perception, in cui Merleau-Ponty contrappone il «corps phénomenàl» al «corps réel» dell’anatomia, oggetto sperimentale, corpo morto. 2 Aristotele, Fisica, III, 5, 204 b 20. 3 Il dialogo in cui compare nel modo più chiaro il carattere negativo del corpo e il suo rapporto con l’anima è il Fedone, mentre nel Gorgia troviamo la definizione di corpo come «tomba dell’anima» (493 ab). 4 Aristotele, Anima, II, 1, 412 b 16.

Anteprima della Tesi di Diego Rossi

Anteprima della tesi: Il corpo ingannato tra metafisica e tecnologia, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Diego Rossi Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8138 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.