Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il corpo ingannato tra metafisica e tecnologia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 D’altra parte narcisismo e alienazione, legati alla società individualistica e capitalistica occidentale, sono altresì legati evidentemente al “cattivo rapporto” con il proprio corpo tipico di tale società; rapporto che ha la sua ragione in una espropiazione del corpo (alienazione), nonché nel dualismo tra corpo e anima (narcisismo). È il corpo che, da sempre dimenticato, disprezzato, rigettato in un improbabile esterno, viene infine reificato. Ma con esso l’anima, ovvero – in ultima istanza – l’uomo. In questa antropologizzazione dell’essere inerte, si compie una profonda trasformazione dell’umano che lo rende completamente alieno e irriconoscibile. Basta dunque che il foglio su cui scrivo percepisca lo scorrere della punta della penna, perché esso mi appaia già come umano? Basta che la penna senta la stretta delle mie dita, perché tutte le differenze tra essa e me siano cancellate? Com’è possibile che sia stato annullato a tal punto tutto il grande ed infinito mondo della vita? Com’è possibile che la mia umanità sia tutta concentrata soltanto nel sentire una penna che preme su di me o una mano che mi tiene stretto? Com’è possibile che nulla abbia più importanza e valore se non questo contatto, in cui è raccolta e concentrata tutta l’esperienza e la conoscenza, tutto ciò che si è goduto e si è sofferto, cercato e saputo? 12 Ecco il cuore della questione, la domanda che muove dal fondo tutto il nostro lavoro. Questo «com’è possibile?» ci interessa. Anzi, laddove la si percepisca come reale stupore, tale domanda riecheggia in vari modi il discorso dell’uomo pazzo di Nietzsche, il che apre un’ulteriore dimensione, vieppiù profonda e problematica; anzi – verrebbe da dire senza peraltro esagerare eccessivamente – un abisso di profondità. Inoltre, ad un’analisi più attenta, emergono ulteriori questioni che pure non ci è dato non prendere in considerazione. Tornando al dualismo corpo-anima, al rapporto tra l’io e il corpo, ebbene è chiaramente possibile leggere tale rapporto come un rapporto di forza, un rapporto di potere, un rapporto in cui il corpo viene assoggettato da un io, che poi altro non è se 12 Mario Perniola, Il Sex appeal dell’inorganico, Einaudi 1994, p. 7.

Anteprima della Tesi di Diego Rossi

Anteprima della tesi: Il corpo ingannato tra metafisica e tecnologia, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Diego Rossi Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8138 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.