Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La grazia: potere presidenziale e controfirma ministeriale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Per la sua funzione intrinseca, l’atto di grazia conserva l’impronta originaria del potere di prerogativa spettante al Presidente della Repubblica, potere inteso non come indipendente dal suo riconoscimento in Costituzione, ma come un’attribuzione insuscettibile di limiti giuridici sostanziali nell’esercizio e di cui non è possibile né una disciplina legislativa delle modalità di esercizio, né un controllo giurisdizionale se non relativamente ai requisiti formali 10 . Tale osservazione sembra, però, contraddetta dal disposto dell’art. 89 Cost., il quale stabilisce che “Nessun atto del Presidente della Repubblica è valido se non è controfirmato dai ministri proponenti che ne XV, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani, 1989, p. 1 ss. 10 Cfr. Quintavalle R., “Il potere di grazia secondo prassi e consuetudini costituzionali. La sua attualità nel vigente sistema penale”, in op. cit, p. 3243.

Anteprima della Tesi di Raffaella Mattioni

Anteprima della tesi: La grazia: potere presidenziale e controfirma ministeriale, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Raffaella Mattioni Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9071 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente 51 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.