Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Mediatore Europeo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7. La tutela dello Stato di diritto – 7.1 – Lo Stato di diritto e il principio democratico – […] 7.2 – I caratteri essenziali della procedura di infrazione – […] 7.3 – Il contributo del Mediatore europeo al miglioramento della procedura di infrazione – Nell’aprile del 1997 il Mediatore europeo ha avviato una indagine di propria iniziativa riguardante la possibilità di migliorare qualitativamente la fase pre-contenziosa della procedura di infrazione. Il Mediatore, infatti, già nel suo primo anno di attività, aveva ricevuto numerose denunce indicanti, come ragioni malcontento, la lunghezza e la segretezza della procedura, la mancanza di sufficienti informazioni riguardo ai suoi sviluppi ed il fatto che la Commissione non spiegava i motivi in base ai quali i casi venivano archiviati. Con riguardo a quest’ultimo punto, il Mediatore suggeriva alla Commissione di comunicare, caso per caso, ai singoli ricorrenti il proprio intendimento provvisorio, consento così agli stessi di presentare osservazioni anteriormente alla assunzione della decisione finale. In particolare, il Mediatore sottolineava che una tale pratica avrebbe comportato due principali effetti: in primo luogo, una maggiore efficienza della amministrazione, essendo offerta, ai ricorrenti, la opportunità di contestare gli intendimenti della Commissione e, a quest’ultima, la possibilità di rispondere a tali critiche; in secondo luogo, un accrescimento della trasparenza e, quindi, della fiducia dei cittadini della Commissione, essendo loro consentito di partecipare più pienamente alla procedura e di non svolgere semplicemente il ruolo di informatori. La linea argomentativa seguita dal Mediatore per persuadere la Commissione è stata estremamente semplice e, allo stesso tempo, molto efficace, da un lato, ribadendo il carattere discrezionale del potere attribuito alla Commissione ex art. 226 TCE e la facoltà di valutare in piena autonomia se adire o meno la Corte di giustizia, dall’altro però,

Anteprima della Tesi di Pasquale Lauro

Anteprima della tesi: Il Mediatore Europeo, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Pasquale Lauro Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4981 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.