Skip to content

Studio di realizzazione e fattibilità di un microprogetto di sviluppo agricolo. Il caso di Tabagne, Costa d'Avorio

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
22 2.2 La distribuzione della popolazione e il sovraffollamento delle città. A un secolo dalla generalizzata colonizzazione del continente, le differenze nella distribuzione della popolazione sono ancora notevoli e non possono essere spiegate se non ricorrendo al passato pre coloniale. La carta demografica dell’Africa si trasforma continuamente: ovunque si registrano emigrazioni dalle zone rurali a quelle urbane o dove si concentrano forti poli di sviluppo. È il caso della bassa Costa d’Avorio dove dagli Stati vicini si sono spostati milioni di persone sino a far diventare la Costa d’Avorio il primo Paese al mondo per percentuale di immigrati sul totale della popolazione nazionale. Ma questi cambiamenti non hanno mai cancellato le disuguaglianze interne al continente. La popolazione non si è mai distribuita a macchia d’olio su tutto il continente ma piuttosto a formicaio, o macchia di leopardo, in alcune zone favorevoli dal punto di vista climatico e pedologico, o dove più facili sono le possibilità di comunicazione, dove quindi la produzione agricola, la disponibilità di materie prime e il conseguente sviluppo economico potevano dare più sicurezza e aspettative di vita migliore. Non possiamo esimerci dal domandarci se questa situazione di squilibrio, ora presente in tutta la sua drammaticità anche all’interno della stessa nazione con la forte migrazione interna verso i grandi poli urbani africani, potrà durare ancora a lungo senza provocare forti tensioni nel continente. In Costa d’Avorio, ad esempio, con lo scoppio degli scontri del 1999 e del 2002 la popolazione locale ha cominciato a cacciare, con il pretesto dell’”ivoirté” (l’ivorianità, cioè della popolazione ivoriana pura e senza intrecci con le popolazioni vicine) i burkinabè, i senegalesi e i liberiani rendendo incandescente una situazione già difficile e delicata. L’Africa è sempre stata attraversata da flussi migratori interni; quasi ogni etnia conserva il ricordo del tempo in cui viveva altrove. Né la colonizzazione né l’indipendenza hanno messo fine a questo fenomeno. L’elemento nuovo è che le frontiere hanno introdotto una rigidità che un tempo non esisteva facendo emergere molti nazionalismi spietati. Ogni giorno di più, i nuovi Stati (quanto quelli della vecchia Europa) diventano degli spazi economici che accettano gli emigranti nei periodi di prosperità, ma che tendono a respingerli allorché sopravvengano momenti difficili. La crescita demografica impone che si riscriva la carta demografica del continente. Le grandi città, che prima del 1960 erano solo tre e contavano meno di 500mila abitanti l’una, ora contengono il 38% della popolazione africana per rappresentare il 55% della popolazione nelle proiezioni FAO del 2030. La Costa d’Avorio si colloca ben al di sopra di questa media continentale con il 48% della popolazione stanziata nelle città, principalmente la capitale economica del Paese Abidjan dove il porto e le industrie richiamano, senza quasi mai assorbire in modo definitivo, la forza lavoro da tutto il Paese. Per capire questa elevatissima migrazione interna bisogna rendersi conto di quali “attrattive” offra la città africana, o meglio la conurbazione urbana africana, sull’abitante delle zone rurali. La città è il luogo della libertà, dove ci si può sottrarre alle costrizioni che l’ambiente tradizionale con le sue regole impone agli abitanti. La maggioranza delle società rurali africane erano e sono molto costrittive, caratterizzate da un forte spirito comunitario che pone in secondo piano l’individuo stesso. Nelle società rurali africane il bene della comunità e i suoi obiettivi vengono prima dell’individuo che è soggetto a regole e rigide sanzioni se non vi si conforma. L’anonimato della città garantisce la possibilità di godere di un certo numero di piaceri, alcuni dei quali sono gratuiti, e offre la possibilità, se non di comportarsi a
Anteprima della tesi: Studio di realizzazione e fattibilità di un microprogetto di sviluppo agricolo. Il caso di Tabagne, Costa d'Avorio, Pagina 12

Preview dalla tesi:

Studio di realizzazione e fattibilità di un microprogetto di sviluppo agricolo. Il caso di Tabagne, Costa d'Avorio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Annoni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e Tecnologie Agrarie
  Relatore: Roberto Pretolani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 188

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agricoltura tropicale
albero dei problemi
analisi swot
costa d'avorio
oritcolltura
partecipazione
sviluppo rurale
tabagne

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi