Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Italia-Spagna, uno studio di diritto comparato: ''lo Statuto dei diritti del Contribuente con particolare riferimento alla figura del Garante''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

dispone l’art. 3 – “compresi quelli concernenti l’ organizzazione amministrativa, i pubblici concorsi ed il personale, deve essere motivato”. Prima della Legge n° 241/1990, dottrina e giurisprudenza avevano dibattuto a lungo sul problema della motivazione degli atti amministrativi ed erano giunti alla conclusione che la Pubblica Amministrazione dovesse rendere pubbliche e palesi le ragioni della sua pretesa e che il giudice avesse la facoltà di sindacare nel merito e conoscere il modo in cui l’ Autorità Amministrativa valutasse gli interessi pubblici oggetto della sua attribuzione. Fu la giurisprudenza francese a dare l’ impulso ad un intenso studio che si sviluppò in tutta Europa, Italia compresa, che portò alla individuazione di 3 funzioni fondamentali della motivazione: 1) strumento di interpretazione dell’ attività amministrativa; 2) strumento per il controllo dell’ attività amministrativa; 3) garanzia per il privato circa l’ operato dell’ Amministrazione. Ma se venne superato il problema riguardo l’ esistenza della motivazione, si posero altra due questioni: quelle riguardanti la “sufficienza” e la “congruità” della stessa. Infatti, per evitare il controllo negativo del giudice, la P.A. procedeva a motivare con pagine e pagine di scritti utilizzando illustrazioni lunghe e superflue e provocando solo un appesantimento dell’ attività amministrativa. Giurisprudenza e dottrina chiarirono che la sufficienza non era legata ad un limite quantitativo bensì dipendeva dalla funzione propria dell’ atto amministrativo, mentre la congruenza veniva intesa come assenza di richiami superflui o mancata illustrazione dell’ iter logico-giuridico che ha condotto alla decisione dell’ Amministrazione. L’ art. 3 della Legge n° 241/1990 recepisce tali principi nel secondo periodo del 1° comma ove dispone : “La motivazione deve indicare i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che hanno determinato la decisione dell'amministrazione, in relazione alle risultanze dell’ istruttoria”. Il terzo comma dell’ art. 3 legittima l’ uso della c.d. 3

Anteprima della Tesi di Vincenzo Cali'

Anteprima della tesi: Italia-Spagna, uno studio di diritto comparato: ''lo Statuto dei diritti del Contribuente con particolare riferimento alla figura del Garante'', Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Vincenzo Cali' Contatta »

Composta da 325 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7740 click dal 23/05/2005.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.