Skip to content

La novela picaresca spagnola e la narrativa ispanoamericana

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
14 Ho citato quest’autore non per appoggiarne la teoria della divisione in due rami – mutuata in parte dal sistema di Alfaro 21 – che non mi convince nel suo dualismo (mi basta considerare il caso del Guitón Onofre, in cui convivono le riprese testuali del Lazarillo con il sistema difensivo dell’argomentazione considerato di radice alemaniana), ma perché il recupero del Lazarillo a quasi mezzo secolo di distanza dalla sua pubblicazione pone comunque dei problemi di rapporto tra i due modelli, che mi sembrano ben messi in rilievo dal critico, il quale cita esplicitamente un importante studio di Claudio Guillén al riguardo. Quest’ultimo, nel saggio «Luis Sánchez, Ginés de Pasamonte y los inventores del género picaresco» (1966) 22 , aveva indicato la rinnovata fortuna editoriale del Lazarillo come il fattore decisivo perché il pubblico, tra il 1599 (pubblicazione della prima parte del Guzmán) e il 1605 (pubblicazione della prima parte del Quijote), percepisse la coscienza della nascita di un genere picaresco, coscienza che sarà un personaggio del Quijote, il forzato Ginés de Pasamonte, autore di un romanzo di questo tipo, a esprimere per primo: –Señor caballero, si tiene algo que darnos, dénoslo ya, y vaya con Dios; que ya enfada con tanto querer saber vidas ajenas; y si la mía quiere saber, sepa que yo soy Ginés de Pasamonte, cuya vida está escrita por estos pulgares. —Dice verdad —dijo el comisario—; que él mesmo ha escrito su historia, que no hay más, y deja empeñado el libro en la cárcel, en doscientos reales. —Y le pienso quitar —dijo Ginés— si quedara en doscientos ducados. —¿Tan bueno es? —dijo don Quijote. —Es tan bueno —respondió Ginés—, que mal año para Lazarillo de Tormes y para todos cuantos de aquel género se han escrito o escribieren. Lo que le sé decir a voacé es que trata verdades, y que son verdades tan lindas y tan donosas, que no pueden haber mentiras que se le igualen. —¿Y cómo se intitula el libro? —preguntó don Quijote. —La vida de Ginés de Pasamonte —respondió el mismo. —¿Y está acabado? —preguntó don Quijote. —¿Cómo puede estar acabado —respondió él—, si aún no está acabada mi vida? Lo que está escrito es desde mi nacimiento hasta el punto que esta última vez me han echado en galeras. (Quijote I,22 p. 264) 23 21 G.A. Alfaro, in La estructura de la novela picaresca, cit., individua tre classi in rapporto agli elementi strutturali: lineal, digresiva e mixta. Non concordo con la categorizzazione di Alfaro, che a mio parere non tiene conto dello stacco temporale tra il Lazarillo e le altre opere picaresche, né col giudizio di valore che collega al terzo gruppo. Mi ha dato invece da pensare il fatto che A. Cassol, nel suo Vita e scrittura. Autobiografie di soldati spagnoli del Siglo de Oro, LED, Milano, 2000, decida, nello studiare un gruppo di opere così correlato a quello che ci interessa, di tenere separati i testi cinquecenteschi da quelli del 1600 proprio per motivi stilistici. Secondo Cassol, l’assenza di modelli di autobiografia non religiosi avrebbe dato come risultato, nel Cinquecento, vite più che altro informative, mentre quelle successive sarebbero letteralizzate, in parte anche finzionalizzate, e con una cospicua dimensione intertestuale. Il percorso della serie picaresca mi sembra simile – come suggerito esplicitamente dallo stesso Cassol –: la Vida di Lazarillo non aveva ancora, come modello, che relazioni simili a quelle prime Vidas più informative, con le quali cercava di confondersi; mentre le opere successive condividono una complessità strutturale nuova, che alcuni testi sfruttano più di altri, ma che nasce da una diversa coscienza dell’io e da una concezione barocca della scrittura. 22 In Homenaje a Antonio Rodríguez Moñino, I, Castalia, Madrid, 1966, pp. 221-231, consultabile anche nella versione abbreviata riportata in Siglos de Oro: Barroco, a c. di Bruce W. Wardropper, vol. 3 di Historia y crítica de la literatura española, a c. di Francisco Rico, Crítica, 1983, pp. 468-471. 23 I numeri di pagina delle citazioni del Don Quijote si riferiscono all’ed. a c. di John Jay Allen, Madrid, Cátedra, 1977.
Anteprima della tesi: La novela picaresca spagnola e la narrativa ispanoamericana, Pagina 11

Preview dalla tesi:

La novela picaresca spagnola e la narrativa ispanoamericana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Fiorellino
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in filologia romanza
Anno: 2005
Docente/Relatore: Norbert Von Prellwitz
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
Dipartimento: studi romanzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carpentier
fernández de lizardi
guzmán
iniziazione
ispanoamericana
lazarillo
manuel rojas
narrativa
picaresca
sigüenza y góngora

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi