Skip to content

Storia diplomatica della questione cipriota e sua incidenza sui rapporti euro-turchi

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Nella nascente ottica della confrontazione “per blocchi” delle due super-potenze il fronte egeo – insieme a quello tedesco – era poi quello allora più immediatamente coinvolto, con la Grecia in preda a una sanguinosa e lacerante guerra civile tra forze conservatrici e comuniste da un lato, e la Turchia minacciata per un verso dal rinnovato espansionismo russo di sud-ovest 12 e per un altro verso dalla propria debolezza interna. Il Paese stava infatti vivendo una delicata fase politica, con l’impianto statalista ereditato dalla rivoluzione kemalista fortemente in crisi e fatto oggetto di una dura contestazione da parte del neonato (1945) Partito Democratico, che si dimostrava inoltre capace di coagulare le opposizioni contro l’establishment del Partito Repubblicano del popolo, che fra il 1946 e il 1949 espresse ben tre deboli governi 13 . Le elezioni del 14 maggio 1950 regalarono però una schiacciante vittoria al PD (53,3%dei voti e 408 su 465 seggi) che poté quindi formare un governo forte – con A. Menderes, fondatore del PD, Primo Ministro – deciso a porre in primo piano gli interessi internazionali del Paese, identificati da un punto di vista regionale con una rinnovata attenzione nei confronti della “propria” minoranza a Cipro e da un punto di vista generale con l’adesione all’alleanza occidentale. Nell’agosto dello stesso 1950 – scoppiata due mesi prima la guerra di Corea – la Turchia formulò dunque la richiesta di aderire al Patto Atlantico e, dopo il superamento di alcune perplessità inglesi, fra il settembre del 1951 e il febbraio del 1952 poté entrare nella NATO – in pratica contemporaneamente all’ingresso della Grecia (1951). Il 28 febbraio 1953 venne poi firmato ad Ankara il Trattato di amicizia e cooperazione fra Turchia, Grecia e Yugoslavia, seguito in agosto da un vero e proprio trattato d’alleanza firmato dai tre Paesi a Bled 14 . Rispetto a questo quadro, dunque, i disegni enosisti erano in chiaro contrasto, logico e cronologico. Né il Regno Unito (impegnato nella guerra fredda contro l’URSS) né la Grecia (appena uscita dalla guerra civile e appena entrata nell’orbita occidentale), né la Turchia (parimenti filo-occidentale e ora più ricettiva nei confronti dei bisogni dei suoi “connazionali di Cipro”) avevano infatti interesse a turbare le reciproche relazioni mettendo in discussione lo status quo nella regione. L’importanza dell’isola per Londra non era del resto diminuita. La spartizione dell’Europa in zone d’influenza e blocchi contrapposti aveva infatti soltanto aggiornato il valore strategico di Cipro: da anello della difesa imperiale a bastione della presenza occidentale nel Mediterraneo orientale (estremo meridionale del Patto Atlantico) e nel Medio Oriente (che vedeva crescere costantemente la propria importanza geopolitica). I ripetuti sforzi di Makarios si scontrarono quindi, inevitabilmente, contro questo stato di cose: alcun seguito ebbe la richiesta che l’arcivescovo fece al governo greco nel corso del 1951 di sollecitare un esame della vicenda cipriota da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, né l’appello che nell’agosto 1953 Makarios rivolse direttamente all’ONU. 12 Il 19 marzo 1945 l’URSS denunciò il patto d’amicizia e non aggressione esistente fra i due Paesi e il 7 giugno seguente rese note le proprie rivendicazioni sulle province turche di Kars e Ardahan. Con uno scambio di note fra il 7 agosto e il 24 settembre 1946 Mosca chiese infine che la difesa degli Stretti fosse affidata congiuntamente all’Unione Sovietica e alla Turchia. 13 Cfr A. Biagini, Storia della Turchia contemporanea, Milano, 2002 14 Si considerino anche, successivamente, il trattato bilaterale con il Pakistan (1954) e, in un certo senso a coronamento dell’intera opzione generale di politica estera, la partecipazione al Trattato di Bagdad (1955).
Anteprima della tesi: Storia diplomatica della questione cipriota e sua incidenza sui rapporti euro-turchi, Pagina 10

Preview dalla tesi:

Storia diplomatica della questione cipriota e sua incidenza sui rapporti euro-turchi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michele Cavallo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Danilo Veneruso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi