Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il gesto e l'anima. Il ruolo dell'educatore come interprete dell'emotività. Esperienza in una casa di riposo.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 perciò, profondamente influenzati dai portati antropologico-culturali del proprio ambiente di vita e dalle caratteristiche personali, e dalle intenzioni (consce e soprattutto inconsce) di coloro con cui ci si trova impegnati nelle relazioni fondanti di base. I modi di gestire ogni singola emozione non sono infiniti: sono molti, ma in numero finito, sono riconoscibili e definibili e possono, con maggiore o minore difficoltà, a seconda delle esperienze passate e delle capacità del soggetto, essere appresi anche dall’adulto. Ma tale apprendimento non può realizzarsi se non all’interno di esperienze relazionali significative, nelle quali è più importante ciò che l’individuo è e fa, che non ciò che egli dice. Tutte le emozioni, anche quelle di piacere, esigono di essere gestite dal soggetto; ma non sempre il compito è possibile. Vi sono esperienze di disperazione così estreme che non sono elaborabili, quali quelle di molti sopravvissuti ai campi di sterminio nazifascisti.

Anteprima della Tesi di Cristina Lo Presti

Anteprima della tesi: Il gesto e l'anima. Il ruolo dell'educatore come interprete dell'emotività. Esperienza in una casa di riposo., Pagina 12

Diploma di Laurea

Facoltà: Educatore Professionale

Autore: Cristina Lo Presti Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9651 click dal 29/06/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.