Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Interlingua e profilo d'apprendente: l'italiano L2 di Viktorija, un'allieva di origine ucraina

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 nell’apprendente 3 e come modo per l’apprendente di mettere alla prova le sue ipotesi sulla natura della lingua che sta imparando 4 . Le analisi, pertanto, cominciano a porre l’accento sull’apprendente, sulle sue strategie di acquisizione e sistematizzazione di un nuovo codice. Gli errori sono la base di partenza per comprendere queste strategie. Naturalmente, non si poté negare che parte degli errori fosse effettivamente dovuta all’interferenza tra un sistema linguistico e l’altro. In questi anni Selinker elabora la nozione di interlingua, un sistema linguistico separato che risulta dai tentativi, da parte di un apprendente, di produrre una norma della lingua di arrivo 5 . Viene così pienamente riconosciuta la creatività dell’apprendente, che nel tentativo di avvicinarsi alla L2, costruisce un sistema linguistico vero e proprio, dotato di regole e funzioni ben precise. 1.1.3 L’Interlingua Non si può evitare di riconoscere l’esistenza di una interlingua, la quale deve essere descritta come un sistema e non come una collezione isolata di errori 6 . Così Selinker sottolinea l’importanza che hanno le produzioni dell’apprendente, costellate di errori, certo, ma regolate da un sistema preciso, che spesso non corrisponde a quello della lingua di arrivo. Tuttavia appare chiaro che le interlingue sono varietà della lingua di arrivo, varietà ridotte, con caratteristiche proprie di instabilità e forte dinamismo interno. Intorno alla fine degli anni Settanta si evidenziano diverse nozioni che cercano di dare conto dell’autonomia e 3 Si veda: MATARESE PERAZZO M., Interdisciplinarietà L1-L2, Bruno Mondadori, Milano 1983. 4 Ibidem. 5 Ibidem. 6 Si veda: SELINKER L., Language transfer, in “General Linguistics”, 9, 1969. La traduzione è a cura di Pallotti G.

Anteprima della Tesi di Chiara Prina

Anteprima della tesi: Interlingua e profilo d'apprendente: l'italiano L2 di Viktorija, un'allieva di origine ucraina, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Chiara Prina Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4996 click dal 04/07/2005.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.