Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili di organizzazione della Corte Costituzionale alla luce delle più recenti proposte di modifica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 attribuiscono all’Assemblea costituente alcune materie, quali leggi elettorali, leggi di approvazione dei trattati internazionali e la “materia costituzionale”, fatto salvo per tutte le restanti la delega al Governo. Per la prima volta si pone un problema concernente la necessità che il contenuto delle leggi sia conforme a certe regole e si afferma che il Governo legislatore è obbligato a non incidere con i suoi provvedimenti in materia costituzionale. Il decreto luogotenenziale del 1946, emanato allo scopo di fissare i tratti fondamentali del regime provvisorio, non presenta una vera e propria efficacia formale superiore, tuttavia si dimostra idoneo ad esercitare forza vincolante in riferimento di materia costituzionale, a cui attribuisce un carattere di rigidità. Questa materia è individuata nei principi essenziali dello stato moderno, come stato costituzionale e stato di diritto. Non essendoci – inoltre - disposizioni esplicite che consentano ai giudici di sindacare i decreti governativi ed eventualmente disapplicarli, ne consegue una situazione favorevole allo sviluppo di un sindacato diffuso, dichiarativo ed incidentale, alla stregua della dottrina Marshall, ovvero rivolto alle norme da applicare nei giudizi in corso e nei confronti delle quali i magistrati si pongano problemi di conformità costituzionale. Le questioni esaminate in concreto trovano riferimento nei principi come la separazione dei poteri, il divieto di giurisdizioni speciali e il divieto di retroattività della legge. In particolare si rinvengono pronunce dei giudici ordinari che rivelano la soluzione di dubbi di legittimità costituzionale. Nella sentenza n. 1212 del 28 luglio 1947 della Corte di Cassazione a Sezioni Unite civili si perviene a una dichiarazione di incostituzionalità del decreto legislativo presidenziale 22 giugno 1946, n. 44. Il 13 II Costituzione provvisoria, D.l.lgt. 16 marzo 1946, n. 98.

Anteprima della Tesi di Laura Cardella

Anteprima della tesi: Profili di organizzazione della Corte Costituzionale alla luce delle più recenti proposte di modifica, Pagina 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Laura Cardella Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3541 click dal 14/07/2005.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.