Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il private equity per la crescita delle imprese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Nell’ambito di tale definizione, la partecipazione veniva generalmente intesa come temporanea, minoritaria e finalizzata, attraverso il contributo congiunto di know.how non solo finanziario, allo sviluppo dell’impresa, all’aumento del suo valore e alla possibilità di realizzazione di un elevato capital gain in sede di dimissione. I vantaggi derivanti dalla cessione di una partecipazione all’investitore istituzionale in capitale di rischio d’impresa, si evidenziano dall’elenco seguente 3 : ξ si ha la possibilità di reperire denaro fresco e paziente per finanziare i piani di sviluppo e di migliorare l’immagine aziendale nei confronti del mercato e delle banche; inoltre, l’ingresso di un partner finanziario appone una garanzia sulla validità d’impresa e dei suoi programmi (avanzamento dello standing creditizio); ξ apertura a nuovi orizzonti per le iniziative a conduzioni familiare, con possibilità di creare network collaborativi grazie a conoscenze dell’investitore; ξ guadagnare una maggiore capacità di competere dell’azienda che, grazie all’intervento di un azionista di potere, è nella condizione di colloquiare con più forza con i principali attori economici del settore e porgere eccellenti garanzie ai clienti; ξ sovente, con l’ingresso di un operatore istituzionale nel capitale dell’impresa, si richiede un cambiamento di mentalità da parte dell’imprenditore medio- piccolo adattandosi a logiche di mercato internazionali; I benefici di sviluppo non sono ad appannaggio esclusivo della singola impresa, ma si estendono all’intero sistema industriale e dell’economia del Paese: in tale ottica, “il miglioramento del mercato del venture capital e del private equity diviene un valido strumento politico per il sostegno delle economie locali verso un processo di internazionalizzazione” 4 . Sul fronte prettamente terminologico, secondo la prassi più diffusa nefli USA, l’attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio, definita nella sua 3 Aifi, “Capitale di rischio e sviluppo economico” , Il sole 24 ore, pg. 32 4 Gompers P., Lener J., “The venture capital cycle”, MIT Press, 1999, pg.85

Anteprima della Tesi di Francesco Marrone

Anteprima della tesi: Il private equity per la crescita delle imprese, Pagina 2

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Marrone Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7811 click dal 02/08/2005.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.