Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Processi di teratologizzazione del personaggio nel cinema di Nanni Moretti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 1.2 I mostri nel cinema italiano L’approdo del mostruoso nel cinema italiano avviene negli anni Sessanta, un’epoca in cui il Paese viene investito da grandi trasformazioni sociali che si ripercuotono anche sul linguaggio cinematografico. Il cinema non dipinge più la realtà con tratti patetici o commedici, come avveniva negli anni Cinquanta, ma con toni sempre più grotteschi. Il mondo e i soggetti che lo abitano sono entrambi alterati, deformati, non è più possibile giungere a un’armonia tra i due elementi. I personaggi non cercano più l’integrazione, tema caro alla commedia italiana, ma sono succubi di “desideri e pulsioni incontenibili nelle forme e nei codici del vivere comune” 9 che li portano, di conseguenza, a rinnegare e a combattere contro quei valori, come il matrimonio o l’impiego fisso, che erano fondamentali nel decennio precedente. La struttura episodica soppianta l’organicità narrativa, la maschera sostituisce il personaggio, il tic rimpiazza il comportamento e l’espressività lascia il posto alla mostruosità del volto. E’ la società ad essere diventata mostruosa e non c’è altro modo per raccontarla se non mostrarne apertamente, senza veli, la deformità che non permette alcun tipo di fuga concreta al soggetto ma gli lascia solo la possibilità si soccombere o di trasformarsi egli stesso in mostro per sopravvivere al suo interno. Il grottesco rivela il lato oscuro e orrido della società: per questo nell’atto di creazione di un mostro c’è sempre la presenza del grottesco, l’abbassamento dall’alto verso il basso ovvero lo spostamento di ciò che appartiene all’ambito spirituale verso la sfera del materiale e corporeo. Tuttavia non si può affermare che il grottesco generi sempre mostri. Basta pensare al cinema di De Sica- 9 Roberto De Gaetano, Il corpo e la maschera. Il grottesco nel cinema italiano, Bulzoni Editore, Roma, 1999, p. 37.

Anteprima della Tesi di Silvia Muntoni

Anteprima della tesi: Processi di teratologizzazione del personaggio nel cinema di Nanni Moretti, Pagina 13

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Silvia Muntoni Contatta »

Composta da 262 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1822 click dal 27/09/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.