Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Behavioural Corporate Finance e Operazioni di Acquisizione - evidenze nel mercato italiano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Teoria neoclassica e operazioni di acquisizione 11 non spiega le condizioni globali di domanda che il settore deve affrontare, venendo così meno la sua relazione con l’attività di takeover del settore. Secondo limite dell’analisi è l’assenza di un modello in grado di spiegare l’eterogeneità delle risposte agli shock tra i diversi settori. La singola decade analizzata è infatti vista come un blocco uniforme e questo impedisce di spiegare perché ad esempio il settore del Broadcasting reagisca in modo più immediato al fenomeno della deregolamentazione rispetto al settore del Trasporto aereo. 1.1.2 Teoria dei flussi di cassa Un ulteriore contributo alla comprensione dei fattori che guidano le operazioni di fusione o acquisizione è dato dalla così detta Teoria dei flussi di cassa. Secondo tale teoria Jensen 1986 riferisce che 1) i free cash flow creano dei conflitti di agenzia tra manager e azionisti e 2) le operazioni di acquisizione risolvono tali conflitti e creano valore inducendo ad una maggiore efficienza organizzativa. La teoria riesce a spiegare alcune evidenze del settore del petrolio degli anni settanta e di altri settori caratterizzati da un’elevata attività di takeover. 1.1.3.1 Teoria dell’agenzia, debito ed efficienza organizzativa Il management di una società è per definizione l’agente dei suoi azionisti e questo tipo di relazione crea necessariamente dei conflitti. Il pagamento di dividendi agli azionisti toglie risorse dal controllo dei manager riducendone il potere e aumentando la probabilità che questi monitorino il mercato dei capitali come quando l’impresa ha bisogno di nuovo capitale. Il finanziamento interno di progetti evita questo monitoraggio e la possibilità che il capitale non sia a disposizione o lo sia solo a prezzi espliciti troppo alti. Ulteriore fonte di conflitto è data dal fatto che i manager sono incentivati a far crescere l’azienda oltre la dimensione ottimale. Maggior crescita implica non solo maggior potere ma anche maggior compenso, dal momento che questo è positivamente correlato alla crescita nelle vendite. Anche un sistema di promozione basato su un aumento di

Anteprima della Tesi di Pamela Genan De Giovanni

Anteprima della tesi: Behavioural Corporate Finance e Operazioni di Acquisizione - evidenze nel mercato italiano, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pamela Genan De Giovanni Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2473 click dal 30/09/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.