Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione delle risorse idriche: quadro normativo e situazione attuale in Europa, Italia e Sardegna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 La gestione delle risorse idriche: quadro normativo e situazione attuale in Europa, Italia e Sardegna Introduzione L’acqua è il più indispensabile dei beni: la sua presenza ed abbondanza (o scarsità) ha condizionato la storia dell’uomo sin dai suoi albori, il suo sviluppo economico, ha prodotto benessere e indotto guerre. Dalla conferenza internazionale sull’acqua e sull’ambiente svoltasi a Dublino nel 1992 è nata questa definizione: “Water has an economic value in all its competing uses and should be recognized as an economic good”. Pochi mesi dopo a Rio, durante l’Earth Summit sull’ambiente e lo sviluppo, si aggiustava un po’ il tiro affermando che l’acqua è: “A social and economic good”. La direzione comunque è stata tracciata: i problemi idrici non possono più essere risolti esclusivamente con politiche sul lato dell’offerta (supply side policy), ma si deve passare a politiche sul lato della domanda (demand side policy ). L’acqua non può più essere fornita ad un prezzo al di sotto di quello di “produzione”, tanto più che sta diventando, e non solo in paesi del terzo mondo, una risorsa scarsa a causa non solo di problemi gestionali, ma anche del riscaldamento climatico e della più accentuata stagionalizzazione delle piogge. L’acqua ha caratteristiche di un bene pubblico, è cioè un bene che ha significativi “spillover” di benefici, il cui uso aumenta il benessere dell’utilizzatore e della società. Un aspetto però fondamentale dei beni pubblici è la non rivalità (un bene è rivale quando il consumo da parte di un soggetto non può essere condiviso anche da un altro soggetto) e la non escludibilità (un bene è escludibile se può essere regolamentato il suo consumo); l’affievolimento (o l’assenza di una) di queste due caratteristiche ci porta nella categoria dei beni misti. L’acqua allora non è un bene pubblico puro, ma bensì un bene misto, e l’affievolimento dei due caratteri prima citati, risulta maggiormente quando la risorsa è globalmente modesta o con flussi irregolari. In particolare quando le acque non sono trattate come beni aventi un valore economico, e dunque non ne vengono discriminati i diversi usi: diretto (civile, agricolo ed industriale), indiretto (funzioni ecologiche rese dalle acque).

Anteprima della Tesi di Francesco Macis

Anteprima della tesi: La gestione delle risorse idriche: quadro normativo e situazione attuale in Europa, Italia e Sardegna, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Macis Contatta »

Composta da 28 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3616 click dal 06/12/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.