Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela penale dei dati personali nel D.Lgs 196/2003

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Capitolo I La tutela dei dati personali: considerazioni generali in ambito internazionale. 1.1. Primi interventi normativi sulle banche di dati personali e loro evoluzione. Il bisogno di una tutela dei dati personali è stata sentita dai vari ordinamenti, sin dalla fine degli anni ’60, inizi anni ’70, anni nei quali cominciano a fiorire le prime leggi tendenti a disciplinare le banche di dati personali. I primi testi legislativi in materia sono stati emanati sin dalla seconda metà degli anni ’60 negli USA: il Freedom of information Act del 1966, ed il Privacy Act del 1974 tendono a disciplinare le banche di dati personali possedute dall’amministrazione federale; le banche di dati delle amministrazioni statali vengono disciplinate dalle norme di ciascun singolo stato, solitamente ispirate alla normativa federale; le informazioni detenute da enti privati poi, sono regolate da una pluralità di leggi, federali o statali, a seconda del settore operativo dell’ente. Negli ordinamenti europei, le prime leggi nazionali, emanate nel corso degli anni ’70, per la disciplina delle banche dati, sono state: la “Datalag” svedese del 1973, la “Bundesdaten Schtzgesetz” (BDSG) tedesca del 1977, la “Datenschutzgesetz” (DSG) austriaca e le leggi danese, norvegese, islandese e lussemburghese. Questa prima generazione di leggi è stata caratterizzata dalla profonda diffidenza, dei vari Legislatori nazionali, nei confronti di un nuovo strumento che è particolarmente idoneo a provocare danni ingenti ed imprevedibili 1 : l’elaboratore. Le capacità e le potenzialità di tale strumento, in gran parte all’epoca peraltro ancora sconosciute, si erano infatti in quegli anni moltiplicate grazie all’evoluzione tecnologica, che consentì di rendere meno costose e più piccole le 1 Giannantonio E., Manuale di diritto dell’informatica, 1997, Padova, pag. 33.

Anteprima della Tesi di Stefano Ottolenghi

Anteprima della tesi: La tutela penale dei dati personali nel D.Lgs 196/2003, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Stefano Ottolenghi Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4276 click dal 06/12/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.