Skip to content

Il Protezionismo nel Settore del Cotone e gli effetti sull'economia dei paesi dell'Africa Sub-Sahariana

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il cotone è fibra coltivata per il 38% nei paesi del sud del mondo e da questi lavorata in quantità via via maggiori. Secondo alcuni 1 , tuttavia, questo non rappresenta un volano di sviluppo per le popolazioni. Il cotone rappresenta, per molti aspetti, un caso paradigmatico in merito alle questioni ambientali e di giustizia sociale: è la coltura agricola che riceve la maggior quantità di pesticidi; l'attenzione del mercato delle biotecnologie - un mercato di miliardi di dollari - è particolarmente proiettata sul cotone, coltura non alimentare e quindi tendenzialmente meno soggetta alle proteste dei consumatori; la sua commercializzazione - come nel caso di altre materie prime - è fortemente caratterizzata da fasi di contrazione ed espansione. Le condizioni di lavoro, lungo tutta la filiera, sono penalizzanti per la maggior parte dei coltivatori e per gli operai delle industrie dove viene lavorata, sempre più esposti a fenomeni di delocalizzazione produttiva di cui è stato oggetto il settore tessile; il lavoro minorile, inoltre, è ampiamente impiegato. La filiera tessile risulta così un vero specchio degli effetti perversi della globalizzazione: una camicia può essere il frutto delle mani di lavoratori dei cinque continenti ed il suo prezzo essere influenzato dalle bizzarrie climatiche, così come dalla speculazione finanziaria internazionale. I più grandi produttori di cotone sono la Cina (circa 4 milioni di tonnellate), gli USA (quasi 4 milioni), l'India (2.5 milioni), il Pakistan (più di 1.5 milioni) e l'Uzbekistan con 1.2 milioni. Nel 1995 questi cinque paesi totalizzavano circa 13.5 milioni di tonnellate di fibra su un totale di quasi 20 milioni. La quota rimanente viene prodotta in circa 70 paesi del sud del mondo (se si eccettuano Grecia, Spagna ed Australia che investono a cotone superfici limitate, ottenendo però buone rese e di alto valore commerciale) dove spesso la fibra costituisce una delle principali fonti di entrata economica a livello familiare e nazionale 2 . La percentuale di utilizzazione del cotone nell'ambito delle fibre tessili, ruota intorno al 50%. A farle concorrenza non è la lana (circa il 5% del mercato tessile), ma le cosiddette fibre chimiche che si cominciarono a diffondere intorno alla seconda guerra mondiale quando l'approvvigionamento di cotone dalle colonie risultava difficoltoso per molte nazioni belligeranti. A partire dagli anni'60, grazie al bassissimo prezzo del petrolio, arriveranno ad equiparare in quantità commercializzate il cotone. 1 Opinione di Oneworld. http://www.unimondo.org/globpopoli/schede/cotone_002.html 2 Rapporto sul commercio equo nell'abbigliamento a cura dell'EFTA - ottobre 1995
Anteprima della tesi: Il Protezionismo nel Settore del Cotone e gli effetti sull'economia dei paesi dell'Africa Sub-Sahariana, Pagina 1

Preview dalla tesi:

Il Protezionismo nel Settore del Cotone e gli effetti sull'economia dei paesi dell'Africa Sub-Sahariana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Relazioni Internazionali e Studi Euopei
  Autore: Emanuela Melchiorre
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2005
Docente/Relatore: Emanuela Nenna
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

africa
cotone
mercato del cotone
protezionismo
protezionista
protezionistica
sahara
sub-sahara

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi