Il Protezionismo nel Settore del Cotone e gli effetti sull'economia dei paesi dell'Africa Sub-Sahariana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 L'industria tessile mondiale sta sperimentando una fase di crescita, ma gli alti prezzi stanno disincentivando il consumo di cotone. Nel settembre 2003 il livello del prezzo mondiale era aumentato del 30% rispetto all'anno precedente. Nello stesso periodo l'indice Cotlook di filato di cotone era aumentato solo del 10%. I prezzi del Polyestere sono aumentati da luglio, ma a settembre 2003 l'incremento rispetto all'anno precedente era solo del 10%. Per quanto riguarda le fibre tessili diverse dal cotone il loro uso nel 2003 è diminuito arrivando al 40% dell'utilizzo del settore tessile, in accordo alle stime fatte in quel periodo, mentre per il 2005 ci si aspetta che diminuiscano fino al di sotto del 38,7%. La produzione mondiale di cotone per regioni. La Cina domanda in consumo e in importazione di cotone, e ci si aspetta che in futuro espanda la propria posizione. Nel 2003/04 è stata una netta importatrice, con una stima di 1,5 milioni di ton., paragonate a 700.000 ton. della stagione precedente. 6 Nel periodo che va dagli inizi degli anni ottanta al 2001, la Cina ha attuato una politica di intensificazione, introducendo varietà ad alta resa, incentivi diretti alla produzione ed una accurata politica dei prezzi sotto il controllo dello Stato. Questa ultima modalità viene modificata nel 1999 quando comincia una liberalizzazione dei prezzi di intervento dello stato. Ha introdotto poi il cotone transgenico i cui effetti sulle rese ancora non sono annunciati, anche se le promesse non sembrano mantenersi ed il calcolo costi/benefici è tutto a svantaggio del cotone OGM 7 . L'area coltivata a cotone negli USA si è ridotta nella stagione 2002/03 del 10%, arrivando a misurare in complesso 5 milioni di ettari. Il tasso di abbandono è stato del 11%. Fattori decisivi sono stati il prezzo del cotone poco attraente, le condizioni assicurative per la coltivazione poco favorevoli. Nel 2003/04 l'area si è ridotta ulteriormente del 3%, arrivando a misurare in totale 4,9 milioni di ettari, con un tasso di abbandono del 12%. La produzione media era di 813 kg/ha. La piantagione in molte regioni di produzione avviene tardi nel corso della stagione ad eccezione del Texas, dove le condizioni climatiche migliorano nel corso della stagione 8 . 6 Fonte delle stime e proiezioni ICAC, Washington - Marzo 2004. 7 Dati Centro Internazionale Crocevia (Aprile 2004). Cotone: una storia esemplare. Dietro la guerra al sostegno all’agricoltura, un altro passo verso la liberalizzazione dei mercati agricoli. 8 Fonte dei dati: ICAC, Washington - Marzo 2004.

Anteprima della Tesi di Emanuela Melchiorre

Anteprima della tesi: Il Protezionismo nel Settore del Cotone e gli effetti sull'economia dei paesi dell'Africa Sub-Sahariana, Pagina 6

Tesi di Master

Autore: Emanuela Melchiorre Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2240 click dal 17/01/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.