Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cervantes: poeta del Cielo fra terra e mare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Lo stesso vale per il rapporto autore-protagonisti: Palacios 6 vede Cervantes come il punto della discrezione, il giusto mezzo tra l’eccesso idealista di don Quijote e l’opportunismo di Sancho; Unamuno 7 arriva a definire Cervantes un evangelista, che non ha avuto altro merito se non quello di narrare le gesta di don Quijote; durante il Romanticismo si arriva a pensare al capolavoro cervantino come a «un’autobiografia spirituale» dell’autore. L’interpretazione del personaggio di don Quijote ha dato vita a discrepanze ancora maggiori: un matto strampalato e divertente, come dovettero accoglierlo – forse un po’ ingenuamente – i contemporanei di Cervantes; il cavaliere dell’ideale, mosso dalla sproporzione tra desiderio e realtà, che diventerà il paladino dei romantici; per Riley 8 don Quijote rimane innanzitutto un uomo che non sa distinguere tra arte e vita; per Unamuno sarà il Cavaliere della Fede che nobilita tutto e tutti grazie ai propri ideali, a quella locura redentora che lo contraddistingue. Di fronte a tutto questo, dunque, l’invettiva contro i libri di cavalleria – l’unico proposito dell’opera apertamente dichiarato da Cervantes – non è sufficiente. Il Quijote è un romanzo in cui si tratta di tutto, si giudica tutto. Come ricorda Riley 9 , Cervantes è un critico che parla di qualsiasi cosa attraverso i suoi personaggi: del teatro, della letteratura, di una società, di un’epoca, di questioni morali, di religione; non trascura temi come la paura, il distacco, l’amore, la misericordia; tratta della letteratura, del matrimonio, perfino del cibo... insomma una vita intera. Nella sua biografia dal titolo Cervantes: genio y libertad scrive Alfredo Alvar Ezquerra 10 : El Quijote, no es sólo una obra irónica, sarcástica. Es un mundo de vivencias, de aspiraciones y de anhelos, de personificaciones de todo cuanto es la vida, sencillamente plasmado en esos dos complejísimos personajes […] 6 Leopoldo Eulogio Palacios, Don Quijote y la vida es sueño, Madrid, Rialp, 1960. 7 M. de Unamuno, op.cit. 8 E. C. Riley, Teoria del romanzo in Cervantes, Bologna, il Mulino, 1988. 9 Ibidem, pp. 74-85. 10 Alfredo Alvar Ezquerra, Cervantes: genio y libertad, Aula de cultura virtual, Bilbao octubre 2004, www.canales.elcorreodigital.com/auladecultura/alfredo_alvar1.html

Anteprima della Tesi di Gabriele Borghi

Anteprima della tesi: Cervantes: poeta del Cielo fra terra e mare, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Gabriele Borghi Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5515 click dal 12/01/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.