Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il trattamento giuridico delle comunità islamiche in Italia. Profili comparatistici.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

21 famiglia, si affermano principi e valori meritevoli di tutela da parte dello Stato: l’eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, il diritto della prole al mantenimento, all’istruzione e all’educazione, anche se nata fuori dal matrimonio, i diritti della famiglia come entità organica fondata sul matrimonio 4 . Tra le conseguenze che ne derivano derivare possono evidenziarsi l’incostituzionalità di eventuali norme tendenti a limitare, o negare, arbitrariamente il riconoscimento degli effetti civili di matrimoni celebrati in determinate forme religiose, oltre ad imporre la precedenza del rito civile rispetto a quello religioso; l’irrilevanza di elementi confessionali o ideologici nella definizione di eventuali conflitti coniugali o ideologici nella definizione di eventuali conflitti coniugali, o nell’affidamento della prole. Soprattutto ha valore significativo il secondo comma dell’art. 3 Cost., per il quale “è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana”. Con questa disposizione, l’ordinamento abbandona la concezione negativa dei diritti di libertà, e delinea una prospettiva di intervento dello Stato e della legge, oltre che dei pubblici poteri, volto a tradurre le libertà individuali in libertà sociali alla cui effettiva realizzazione devono concorrere comportamenti positivi da parte statuale e pubblica 5 . Cambia il ruolo dello Stato che si fa garante e promotore del diritto allo studio che compete ai cittadini, e del diritto all’assistenza che finisce per toccare i confini della sicurezza sociale. L’art. 34 sancisce che “la scuola è aperta a tutti”, e prescrive l’obbligo 4 Artt. 29, II co – 30 – 29, I co., Cost. 5 Cfr. C. Lavagna, Istituzioni di diritto pubblico, Torino, 1986, pp. 375 ss.

Anteprima della Tesi di Maria Giada Curia

Anteprima della tesi: Il trattamento giuridico delle comunità islamiche in Italia. Profili comparatistici., Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Maria Giada Curia Contatta »

Composta da 323 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4307 click dal 20/01/2006.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.