Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La diffusione del ''burnout'' nelle professioni educative: aspetti teorici ed applicativi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

19 • Da un punto di sociologico, sembrano non aprirsi molti spazi per una sorta corporativismo professionale, né sul piano culturale, né su quello economico. 1.1.2 Principali contributi E’ la letteratura americana che offre i modelli teorici considerati i più significativi, tra i quali si possono individuare quelli di Cherniss e di Maslach, non senza prima aver ricordato la definizione di Freudenberger, primo studioso sull’argomento. Fin dagli inizi degli studi e delle ricerche emergono, tuttavia, due tendenze teoriche: una più legata alla “clinica” e quindi con enfasi primariamente orientata alle dinamiche individuali – tendenza in cui si individua anche Freudenberger – l’altra più focalizzata sui paradigmi psico-sociali e caratterizzata da una maggiore attenzione alle necessità di studi empirici. Ed è proprio a quest’ultima tendenza che si riferiscono Maslach, Cherniss e Pines, autori che sottolineano il ruolo degli elementi organizzativi del lavoro come causa della depersonalizzazione nella relazione con l’utente e , in prospettiva, dell’esaurimento dell’operatore. Cherniss definisce il burnout una strategia di adattamento che ha conseguenze negative sia per la persona che per l’organizzazione; si tratta di una modalità errata di adattamento allo stress lavorativo, messa in atto da operatori che non dispongono delle risorse adeguate per fronteggiarlo; è un sorta di ritirata psicologica dal lavoro, in risposta ad un eccessivo stress o insoddisfazione, per cui ciò che un tempo era sentito come ”vocazione” diventa soltanto un lavoro. Non si vive più per il lavoro, ma si lavora unicamente per vivere: si è, quindi, nell’ambito della motivazione, con perdita di entusiasmo, interesse e senso di responsabilità per la propria professione. Questa “inabilità” a far fronte allo stress è determinata sia da fattori personali, sia da variabili relative a l lavoro in sé e alla sua organizzazione. L’autore, inoltre,

Anteprima della Tesi di Vincenzo Gullotta

Anteprima della tesi: La diffusione del ''burnout'' nelle professioni educative: aspetti teorici ed applicativi, Pagina 14

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Vincenzo Gullotta Contatta »

Composta da 318 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8824 click dal 25/01/2006.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.