Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le nuove frontiere dell'abuso: il traffico di minori

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 qualsivoglia dei mezzi di cui al primo punto è stato utilizzato; il reclutamento, trasporto, trasferimento, l'ospitare o accogliere un bambino ai fini dello sfruttamento sono considerati "tratta di persone" anche se non comportano l'utilizzo di nessuno dei mezzi di cui al primo punto del presente articolo; "Bambino" indica qualsiasi persona al di sotto di anni 18. “ Il fenomeno del trafficking si fonda su condotte che sono incompatibili con la dignità della persona umana e costituisce una violazione “dei diritti umani fondamentali, quali il diritto alla vita, il diritto alla dignità e alla sicurezza, il diritto a condizioni lavorative giuste o favorevoli, il diritto alla salute e il diritto all’ eguaglianza.” (Annan)3 Il traffico “con tutte le limitazioni” che ne derivano ai diritti e alla libertà dell’individuo si presenta come una delle forme più degradanti di schiavitù che può essere imposta ad un essere umano. (Parlamento Europeo, 1989) Questi bambini sono sfruttati, vivono in condizioni di malnutrizione, inesistenti condizioni igieniche e spesso sono vittime di violenza di tutti quei soggetti che sono coinvolti nel traffico. Spesso non hanno documenti d’identità, perciò non hanno uno stato giuridico e se cercano di fuggire dalle condizioni in cui sono obbligati a vivere, vengono raccolti dalla polizia locale che spesso collabora o comunque tollera questi traffici. E’ da rilevare come l’attività criminale s’inserisce nelle situazioni caratterizzate da crisi sociali e politiche nonché di grande povertà, dove le persone risultano più indifese ed esposte ad essere vittime di queste attività illecite. I minori più esposti alla tratta sono gli orfani o i minori la cui madre è stata essa stessa la vittima di questi traffici. In diverse parti dell’ Asia e dell’ Africa dove la povertà è allarmante e dove l’economia è in continuo cambiamento, lo stato sociale è assente e non vi è alcuna protezione per il cittadino di fronte ai soprusi. E’ evidente che il passaggio della detenzione di potere alle milizie locali avvantaggia lo sviluppo di schiavitù di questo tipo. Il fenomeno, è una chiara violazione dei diritti umani 4 inteso come una delle peggiori forme di sfruttamento del lavoro minorile, di cui la violenza è una caratteristica principale. L’ ODCCP 5 sottolinea come il fenomeno è inteso come il “reclutamento, il trasporto, il dare asilo o ricevere persone allo scopo di sfruttarle mediante l’intimidazione o l’uso della 3 Annan K. Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite in occasione della giornata internazionale per l’abolizione della schiavitù, dicembre 1999 4 Convenzione OIL n° 82

Anteprima della Tesi di Barbara Salvatore

Anteprima della tesi: Le nuove frontiere dell'abuso: il traffico di minori, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Barbara Salvatore Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3861 click dal 25/01/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.