Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Filiera produttiva dell'actinidia in Piemonte

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 2. Situazione mondiale, nazionale e regionale sulla coltura. 2.1 La situazione mondiale. L�Actinidia � attualmente coltivata in molti paesi del mondo con circa 1.000.000 di tonnellate prodotte l�anno in circa 75.000 ettari di superficie investita. In generale si evidenzia che l�Actinidia � prodotta quasi in tutti i paesi del mondo; nella tabella 1.1 si � proceduto alla divisione dei maggiori produttori in due grandi categorie (esclusa la Cina, la stessa possiede ben 50.000 ha in coltura specializzata con produzioni di 150.000 t/anno). La prima con nazioni appartenenti all�emisfero Nord e la seconda con nazioni appartenenti all�emisfero Sud. Questa suddivisione � necessaria non solo per questioni geografiche, ma anche perch� i periodi di raccolta sono differenti, infatti per l�emisfero Nord la raccolta avviene da fine ottobre al 15 novembre, mentre per l�emisfero Sud la raccolta avviene dalla fine marzo all� inizio d�aprile. Tab 1.1 Superficie investita e produzione di kiwi nel mondo anno 2000 Paese Superficie investita (ha) Produzione (t) Emisfero nord (raccolta fine ottobre-15 novembre) Italia 21.000 322.000 Francia 4.000 60.000 Grecia 4.000 40.000 Usa 2.200 25.000 Giappone 4.000 45.000 Altri 13.800 108.000 Totale Emisfero Nord 49.000 600.000 Emisfero sud (raccolta fine marzo-15 aprile) Nuova Zelanda 10.000 240.000 Cile 8.000 150.000 Altri 4.800 30.000 Totale Emisfero sud 22.800 420.000 Totale mondo 71.800 1.020.000 Fonte (Informatore agrario � edagricole � 01/2001) La tendenza futura � per una generale diminuzione delle superfici coltivate e aumento delle produzioni. Se prima l�Actinidia poteva essere assimilata ad una coltura estensiva ora sta diventando intensiva; si evidenziano per� dei generali problemi dovuti alla diminuzione delle vendite, causate soprattutto da un panorama varietale monotono che non gratifica i consumatori; inoltre si osservano, negli ultimi anni, problemi dovuti alla scorretto periodo di raccolta, che rende il prodotto al consumo acerbo e quindi non apprezzato.

Anteprima della Tesi di Igor De Maria

Anteprima della tesi: Filiera produttiva dell'actinidia in Piemonte, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Igor De Maria Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1523 click dal 13/02/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.