Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Equa riparazione dei danni da irragionevole durata del processo-La legge 24 marzo 2001, n.89 nel quadro della risarcibilità dei danni alla persona

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Evidentemente, ciò determina una disparità di trattamento nei confronti di fattispecie non legislativamente previste ma, comunque, meritevoli di tutela. In considerazione di ciò, si dà conto degli orientamenti dottrinali che hanno cercato di prospettare delle soluzioni per ovviare a questa situazione. È stata, infatti, più volte sollevata questione di legittimità costituzionale dell’art. 2059 c.c., prospettandone l’abrogazione – peraltro, mai accolta dalla Corte Costituzionale. Ed è stata configurata una nuova categoria di danno – il danno esistenziale – tale da ricomprendere tutti i pregiudizi inerenti la persona, che ha ricevuto anche il riconoscimento della Corte di Cassazione.

Anteprima della Tesi di Rosaria Miduri

Anteprima della tesi: Equa riparazione dei danni da irragionevole durata del processo-La legge 24 marzo 2001, n.89 nel quadro della risarcibilità dei danni alla persona, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Rosaria Miduri Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3524 click dal 15/02/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.