Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli investimenti italiani in Romania

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 sottosuolo di importanza nazionale sono le acque termali e le sorgenti di acque minerali: conosciute e utilizzate da secoli per le loro straordinarie qualità terapeutiche, esse sono presenti in tutte le zone geografiche, ma, specialmente, nello spazio montano e collinare (AA.VV. 1996). Se si osserva la durata temporale dei confini della Romania, l’arco dei Carpazi si rivela il principale spartiacque non solo dal punto di vista geografico, bensì anche da quello politico. Per oltre 400 anni la sua sezione più ampia costituì la frontiera orientale dell’Impero austro-ungarico e di conseguenza la divisione tra le forti influenze dell’Occidente (Cristianesimo occidentale, Rinascimento, Illuminismo, Rivoluzione Industriale) e la dominazione da parte degli Imperi Bizantino prima e Ottomano poi. I Carpazi, quindi, rappresentano una linea di divisione storica non eguagliata in durata da nessuno dei confini moderni della Romania (Jordan 1998).

Anteprima della Tesi di Giuseppe Ivan Candela

Anteprima della tesi: Gli investimenti italiani in Romania, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giuseppe Ivan Candela Contatta »

Composta da 252 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3774 click dal 20/02/2006.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.