Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I processi di esternalizzazione: tra interesse dell'impresa e tutela del lavoratore

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 efficienza dell’impresa, consentendole di far fronte alle mutevole esigenze del mercato, caratterizzato da continue oscillazioni quantitative e qualitative della domanda di beni e servizi. Una realtà imprenditoriale solida ed efficiente rappresenta, infatti, una delle condizioni indispensabili dell’economia nazionale di un paese, anche, e soprattutto, in uno scenario contrassegnato da una accesa concorrenza internazionale. Al di là di considerazioni economiche, il giudizio in merito ad una scelta di politica legislativa ispirata a ideologie di flessibilità, non può prescindere da considerazioni di carattere sociale 8 . In effetti, scelte normative caratterizzate da una sensibile riduzione della stabilità del rapporto di lavoro, nonché relative all’introduzione di forme di lavoro flessibile, e quindi per lo più precarie, producono indubbiamente ripercussioni sulla vita del lavoratore. Dalla società del fordismo, caratterizzata da una grande stabilità sia dell’impiego che del reddito, si passa al contesto sociale post-fordista, contrassegnato da un profondo clima di incertezza, dovuto principalmente dalla maggior precarietà del rapporto di lavoro e della relativa retribuzione. Situazione di questo tipo, se sviluppate inopportunamente, possono creare dei disagi sociali non proporzionali agli indiscussi vantaggi che la flessibilità crea per le imprese. Si tratta di conseguenze particolarmente rilevanti e significative, alla luce delle quali pare opportuno, o meglio, doveroso, effettuare nuovamente una valutazione dei costi e benefici dell’introduzione di nuove forme di flessibilità. Innovazioni di questo tipo, devono ritenersi opportune solo nel caso i cui siano idonee a determinare un effettivo aumento dei livelli occupazionali, scongiurando, al tempo stesso, il 8 Per approfondire meglio tale aspetto, cfr., L. GALLINO, “Il costo umano della flessibilità”, Laterza, Roma, 2003.

Anteprima della Tesi di Marco Ciardi

Anteprima della tesi: I processi di esternalizzazione: tra interesse dell'impresa e tutela del lavoratore, Pagina 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Marco Ciardi Contatta »

Composta da 255 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8310 click dal 05/04/2006.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.