Skip to content

Design and Analysis of chassis and suspension of a Land Speed Record vehicle

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Chapter 2. Background and overview 8 Campbell drove the Napier-Campbell Bluebird to 174.883 mph (281.447 Km/h) on the beach at Pendine Sands. The Bluebird was the first car built strictly for breaking the land speed record; making it unique. Breaking the 200 mph barrier was the accomplishment of Major Henry Seagrave. He drove the Golden Arrow (Figure 2.5) to a new record speed of 231.446 mph (372.340 Km/h), again at Daytona Beach, Florida. What made this car unique is that it is on record as the least used car; having been driven a total of only 18.74 miles. Seagraves was later knighted by Queen Elizabeth for his achievements. Sir Henry also attempted to capture the water speed record in his Miss England II when his boat hit a log in the water and capsized, killing Seagrave and mechanic, Victor Halliwell. Figure 2.5: Seagrave’s Sunbeam Car. The competition between Campbell and Seagrave brought down the 300 mph barrier when Sir Malcolm Campbell, also knighted for his achievements by the King of England, averaged a speed of 301.129 mph (484.818 km/h) at the Bonneville Salt Flats, Utah on Sept. 3, 1935 with a much more powerful V-12 Rolls-Royce engine in the Campbell Rolls-Royce Bluebird. John R. Cobb of England was driving the Railton Mobil Special in his attempt to break the 400 mph barrier, when on Sept. 16, 1947 he managed to average only 394.196 mph (634.196 kph) at the Bonneville Salt Flats, Utah. Cobb too, attempted to claim the water speed record in his Crusader on Loch Ness, Scotland, but lost his life on Sept. 29, 1952 when it flipped and exploded. The 400 mph barrier was finally broken by Mickey Thompson of the U.S. on Sept. 9, 1960. Driving the Challenger 1 powered by 4 Pontiac V-8 pushrod engines producing 700 hp each, he reached an average speed of 406.60 mph (654.359 Km/h) to return the record to the U.S. after belonging to Englishmen for 32 years. Donald Campbell, son of Sir Malcolm Campbell, followed in his father's footsteps and claimed the land speed record on July 17, 1964 at Lake Eyre, Australia. This record was the only one set outside the U.S. during the recent period of records. His Bluebird-Proteus CN7 reached an average speed of 403.135 mph (648.783 Km/h) using a gas turbine engine. He lost his life attempting to break the 300 mph barrier on Coniston Water in his jetboat Bluebird.
Anteprima della tesi: Design and Analysis of chassis and suspension of a Land Speed Record vehicle, Pagina 8

Preview dalla tesi:

Design and Analysis of chassis and suspension of a Land Speed Record vehicle

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Renzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Meccanica
  Relatore: Marco Evangelos Biancolini
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 158

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chassis design
composites
finite element analysis
land speed record
multibody simulation
suspension design

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi