Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il modello costituzionale del Premierato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 un’operazione di questo tipo mancano oggi i presupposti di fatto, in assenza di una <> politica ed istituzionale in grado di giustificare la nascita di un nuovo Stato, in rapporto di completa discontinuità con la realtà preesistente. Appare, d’altro canto, sempre più evidente che le vicende istituzionali che si sono succedute in Italia dopo la crisi del 1992, se hanno introdotto forti elementi di novità nel quadro politico, non sono tali da legittimare la nascita di una nuova Repubblica su fondamenti diversi da quelli costituiti attraverso il <> del 1946-47. Su questo piano, la stessa lunghezza del processo di <> che si è aperto nel 1992 concorre a dimostrare come le recenti vicende istituzionali italiane si siano sviluppate non sotto il segno della <> bensì in via incrementale, attraverso adattamenti successivi che hanno condotto ad orientare gli sviluppi della prassi dentro l’originario modello costituzionale, di volta in volta adattato, attraverso letture evolutive, alle nuove esigenze. Dopo tanti tentativi inutili la via più realistica che oggi può essere percorsa resta, dunque, ancora quella di una riforma condotta attraverso l’impiego degli strumenti della revisione costituzionali previsti dagli artt. 138-139 della stessa Costituzione e condizionati al rispetto del nucleo fondante (la forma repubblicana) del disegno tracciato nella Carta del 1948. Questa è stata, del resto, la strada ragionevolmente seguita – dopo il fallimento della terza Bicamerale – con le riforme da ultimo introdotte, mediante le leggi costituzionali nn. 1 e 2 del 1999, in tema di ordinamento regionale e di <>. Ma non v’è dubbio che per attivare un processo di riforma costituzionale di ampio respiro – ancorché condotto con gli strumenti tradizionali della revisione costituzionale – sia anche molto importante individuare (e graduare) i punti di attacco più appropriati. Molti elementi inducono a ritenere che questi punti di attacco vadano oggi ricercati tanto con riferimento agli equilibri interni del nostro sistema politico quanto con riferimento al rapporto che si va delineando tra il nostro impianto costituzionale e il quadro europeo. Sul primo piano l’obiettivo primario da realizzare investe, ancor prima della riforma costituzionale in senso stretto, la legge elettorale. E’ certo, infatti, che, fino a quando l’attuale situazione pulviscolare del sistema politico italiano resterà immutata, sarà anche impossibile condurre in porto una riforma costituzionale costruita intorno a scelte di largo respiro e di lunga durata. E’ evidente che, in tale situazione questa possibilità verrà sempre bloccata dai veti delle forze minori e da considerazioni di opportunità legate alla politica contingente. Su questo piano l’obiettivo da perseguire passa, dunque, oggi attraverso il completamento della scelta maggioritaria operata nel 1993, che, almeno sinora, non ha dato i

Anteprima della Tesi di Paolo Raponi

Anteprima della tesi: Il modello costituzionale del Premierato, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Paolo Raponi Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3621 click dal 11/04/2006.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.