Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La definizione delle frontiere nell'Africa coloniale. Lo Sato Libero del Congo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 diventa così oggetto di una sovrapposizione di territori e di divisioni interne in cui si scontrano diverse sfere d’influenza: statale, religiosa, della tradizione, provocando una serie infinita di conflitti locali che seguono le regole dell’appartenenza etnica e territoriale. Lo studio sia apre con un primo capitolo dedicato al concetto di confine e alla sua evoluzione nel continente africano. Partendo dal periodo precoloniale sino alla costituzione nell’epoca coloniale dello stato di matrice europea, il capitolo si chiude con due paragrafi, uno relativo ai modi di acquisizione dei territori e di definizione delle frontiere da parte dei poteri europei, l’altro mette in luce il rapporto tra le popolazioni autoctone e l’inedita realtà dei confini. Il secondo capitolo affronta le vicende che portarono alla fondazione dello stato congolese da parte del sovrano del Belgio Leopoldo II (1835-1909), che scorse nell’impresa coloniale lo sbocco naturale alle proprie ambizioni. In principio, questa inedita entità statale denominata Stato Libero del Congo non fu un possedimento coloniale ma una vera ed effettiva potenza. L’Associazione Internazionale del Congo (compagnia privata facente capo direttamente al sovrano belga, la quale non agì in Africa come strumento di una potenza europea) ebbe lo scopo di creare un’organizzazione statale nuova, indipendente e sovrana che per qualche decennio fu proprietà privata del sovrano. Il capitolo affronta in modo approfondito le problematiche della definizione dei confini, stabiliti in sede di negoziato tra le potenze europee e l’Associazione Internazionale del Congo, evidenziando che tale entità statale non fu da subito geograficamente e politicamente ben definita, ma costituì all’inizio una semplice amalgama di territori e tribù diverse, in cui l’effettività dell’occupazione, richiesta dall’articolo 35 dell’Atto Generale del Congresso di Berlino, era più simbolica che

Anteprima della Tesi di Gian Battista Giola

Anteprima della tesi: La definizione delle frontiere nell'Africa coloniale. Lo Sato Libero del Congo, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Gian Battista Giola Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1906 click dal 02/05/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.