Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La difficile Conciliazione. I rapporti Italia-Santa Sede dal 1922 al 1929

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 discorso di insediamento del 16 novembre 24 , Mussolini annuncia che tutte le fedi religiose saranno rispettate a partire da quella Cattolica e conclude invocando l’Assistenza Divina per svolgere il proprio compito. Anche il Partito Popolare gli concede la fiducia seppur controvoglia. Dopo il discorso d’insediamento, il gruppo parlamentare decide di rimandare ogni presa di posizione a dopo le dichiarazioni di Mussolini. Dopo il suo intervento molti popolari propendono per l’astensione o a votare contro. Alla fine scelgono il voto favorevole quando Mussolini mitiga il senso delle sue parole dicendo che non intendeva attaccare la Camera come istituzione, ma quella eletta nel 1921 (l’aula “sorda e grigia”) 25 . Particolarmente convinti del «sì» a Mussolini sono i «destri», mentre Merizzi vota addirittura contro; altri si allontanano dall’aula. È un comportamento figlio del disorientamento generale, del modo nel quale viene presa a suo tempo la decisione della partecipazione del partito al governo e del desiderio di non mettere in una situazione insostenibile i suoi potenziali ministri, resa tale dalle posizioni della sinistra interna, che vede la nascita della rivista «Domani d’Italia» e il messaggio al partito di Sturzo in cui chiede la convocazione di un congresso per stabilire una volta per tutte la questione sulla collaborazione col Fascismo, ritenuta dal sacerdote siciliano e dai suoi amici assolutamente contraria agli ideali ed agli interessi politici del PPI 26 . Adesso il compito di Mussolini è, prima di tutto, portare a tutti i costi al governo non tanto il Partito Popolare, quanto la sua destra interna. Invita personalmente Cavazzoni (leader della suddetta ala del partito) a farne parte. A quel punto al sua corrente si pronuncia per la collaborazione, 24 R. De Felice, op. cit., pp. 482-483. 25 G. De Rosa, op. cit., p. 322. 26 G. De Rosa, op. cit., pp. 339-341.

Anteprima della Tesi di Lorenzo Corradi

Anteprima della tesi: La difficile Conciliazione. I rapporti Italia-Santa Sede dal 1922 al 1929, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lorenzo Corradi Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3499 click dal 15/05/2006.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.