Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tossicodipendenza e devianza; riflessioni sulla funzione riabilitativa del carcere

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 sentirsi parte di un sistema di regole che si conoscono bene e dal quale ci sentiamo garantiti. La tendenza umana sarebbe, quindi, quella di considerare la propria cultura di appartenenza come il centro dell’universo mentre tutte le altre (vicine o lontane) vengono valutate potenzialmente pericolose . All’interno delle spiegazioni socioantropologiche vi sono ,infine , gli approcci definiti costruzionisti, per i quali il pregiudizio è il risultato della sedimentazione di conoscenza e di memoria collettiva. Sarebbe quindi un meccanismo di assegnazione di senso alla realtà, tramandato inconsciamente attraverso simboli condivisi e sostenuti da una struttura retorica di scambi comunicativi. Vi sono, infine, quelle spiegazioni che considerano il pregiudizio estraneo alla natura dell’uomo, individuandolo solo come manifestazione di dinamiche patologiche. La più nota di tali spiegazioni è la concezione psicanalitica, secondo la quale l’individuo agisce sempre sulla spinta di una tensione psichica che si attiva nel momento in cui egli si propone uno scopo, qualora gli sia impedito di raggiungere lo scopo si crea una frustrazione e la tensione rimane insoddisfatta . Allora si verifica quella che in psicoanalisi si chiama dislocazione dell’aggressività :essa si dirige verso un altro bersaglio nei confronti del quale l’aggressione sia più semplice, di solito si tratta di soggetti sociali deboli, i quali svolgono la funzione di capro espiatorio. Per sfuggire, però, dalla facile trappola di ritenere i pregiudizi prerogativa delle persone frustrate, si potrebbe riflettere sull’enorme quantità di frustrazioni che contraddistinguono la vita di tutti gli uomini ogni giorno, forse pensando a tutti gli scopi che ognuno di noi non è riuscito a raggiungere fino ad oggi si valuterebbe l’eccezionalità della spiegazione sopra esposta molto relativa. Esiste, poi una chiave di interpretazione di pregiudizi e stereotipi che li vede come conseguenza di una particolare configurazione di tratti che renderebbero alcune persone più inclini di altre a giudicare in modo distorto e rigido ; Tra queste spicca quella che fa riferimento alla cosiddetta personalità autoritaria, titolo di un celebre studio condotto alla fine degli anni ’40 da Theodor Adorno con altri ricercatori della scuola di Francoforte. Lo studio fu commissionato dal comitato ebreo americano ed

Anteprima della Tesi di Sara Bacigalupi

Anteprima della tesi: Tossicodipendenza e devianza; riflessioni sulla funzione riabilitativa del carcere, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Sara Bacigalupi Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10201 click dal 18/05/2006.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.