Underground & Commercial. Etnografia dei diversi volti dell'HipHop a Roma.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

fare corpo a sé. Quindi il quadro dei modi di vita giovanili che il teppismo degli anni ’58-’62 permette di ricostruire, non consente di ravvisarvi nuclei veri e propri di sottoculture. Nel periodo ’58-’62 non vi era la possibilità di pensarsi come generazione che sviluppa un’esperienza diversa dalla precedente>> 5 . Proprio sull’importanza rappresentata dal pensarsi come una generazione a se stante troviamo anche il pensiero di un altro studioso del tema, l’austriaco M. Mitterauer, che spiega come il concetto “giovani” non sia un’invenzione recente: gruppi e rituali specificatamente giovanili, sia rurali che urbani, si fanno pervenire fin dal Medioevo 6 . È soltanto nella seconda metà del Novecento però che acquista un valore specifico il concetto di “generazione”, in quanto precedentemente non esistevano generazioni intese come unità complessive di giovani. Questa successiva trasformazione è addebitata da Mitterauer ai processi di de- regionalizzazione verificatosi dopo la fine della seconda guerra mondiale, il cui esito sarebbe la sostituzione dell’etnia con l’età come elemento portante dei processi di identificazione. Perché il concetto di “generazione” prenda forma quindi non è 5 Piccone Stella S., Rebel without a Cause. Teppisti e giovani negli anni del boom, in “Rassegna Italiana di Sociologia”, XXXI, 3, Luglio-Settembre 1990, p. 359 6 Mitteraur M., I Giovani in Europa dal Medioevo ad oggi, 1991 20

Anteprima della Tesi di Alessandro Trabassi

Anteprima della tesi: Underground & Commercial. Etnografia dei diversi volti dell'HipHop a Roma., Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Alessandro Trabassi Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1554 click dal 14/06/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.