Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Bosnia e Erzegovina nel decennale di Dayton

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 Questo assetto tuttavia riflette ampiamente l’ambiguità che caratterizzò i negoziati di pace, stretti tra le spinte centrifughe dei gruppi nazionali, soprattutto serbe e croati, e la volontà della Comunità internazionale e della popolazione di religione mussulmana di porre fine alla guerra e mantenere l’unità del paese. La Costituzione sancita dagli Accordi di pace di Dayton si sovrappone infatti alle Costituzioni 2 delle due entità, ad essa precedenti 3 , e istituisce un complesso sistema di competenze divise tra gli organi dello stato centrale, delle entità e delle rispettive amministrazioni locali che rendono assai difficoltoso e sicuramente non uniforme il processo di attuazione delle politiche. Infine lo Stato è sottoposto al controllo dell’OHR, l’Ufficio dell’Alto Rappresentante, le cui funzioni sono stabilite dall’Annesso X al trattato di Dayton. All’HR (High Representative) si occupa di coordinare, con incontri regolari, le maggiori agenzie coinvolte nell’implementazione degli accordi di pace di Dayton e di attuare le linee guida del PIC 4 (Peace Implementation Council). Deve inoltre dialogare con le autorità locali e incoraggiarle a rispettare gli accordi presi a Dayton. Il HR deve creare delle commissioni miste composte dai rappresentanti bosniaci delle varie parti e dalle agenzie internazionali per l’implementazione degli aspetti civili dell’accordo. Infine l’Annesso X affida al HR il ruolo di interprete di ultima istanza degli Accordi di Dayton e della Costituzione della BiH. Allo scopo di rendere maggiormente incisiva l’azione del OHR, finalizzata al raggiungimento degli obiettivi stabiliti, sono stati successivamente attribuiti a questo organo i cosiddetti “Bonn Powers 5 ”. Questi poteri, insindacabili, conferiscono ampia discrezionalità al HR nei confronti degli attori politici bosniaci, 2 Per i testi delle Costituzioni si veda http://www.ohr.int/ohr-dept/legal/const/ 3 La Costituzione della RS venne promulgata nel 1992 in seguito alla proclamazione della Repubblica Sprska. Quella della FBiH venne promulgata in seguito agli accordi di Washington nell’aprile 1994, che posero fine agli scontri tra le forze paramilitari croate del HVO, il Consiglio di Difesa Croato, e le forze governative bosniache. 4 il PIC è composto da rappresentanti della Comunità Internazionale e dalle principali organizzazioni internazionali. Esiste il cosiddetto Comitato direttivo del PIC costituito da USA, Russia, Francia, Germania, Giappone, Canada, Italia, dalla Presidenza UE, dal Presidente della Commissione Europea e dalla Turchia. Il Comitato direttivo stabilisce le linee guida per il OHR. 5 il nome deriva dalla Conferenza di Bonn del PIC del 10 dicembre 1997

Anteprima della Tesi di Emilio Vettori

Anteprima della tesi: La Bosnia e Erzegovina nel decennale di Dayton, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emilio Vettori Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2592 click dal 17/07/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.