Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Zone umide artificiali per la depurazione di reflui civili; valutazione dell'efficienza depurativa dell'impianto di Dicomano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 L’ Italia entra a far parte ufficialmente della Convenzione attraverso un Decreto, il D.P.R. del 13 marzo 1976, n.448, e un successivo D.P.R. del 1987, n.184. Nelle norme relative alle attività di tutela e prevenzione ambientale in materia di acque sono numerosi i riferimenti alle aree di “importanza internazionale” ai sensi della Convenzione di Ramsar, o comunque alle ZU in generale. Il nostro Paese ha promosso ed intrapreso azioni per la tutela delle ZU dichiarando di importanza internazionale 46 ZU nazionali per oltre 50000 ha. In Italia le ZU protette sono oggi numerose ma si tratta di una protezione teorica in quanto manca la sanzione corrispondente o comunque il criterio procedurale concreto in vista di sorveglianza e controllo sul territorio. La Legge n. 431 dell’8 agosto 1985 (c.d. Legge-Galasso) ha imposto il vincolo paesaggistico-ambientale anche per le ZU incluse nell’elenco di cui al D.P.R. 13 marzo 1976 n. 448. Le ZU possono essere definite secondo criteri di classificazione proposti sulla base di diversi approcci (localizzazione e topografia, idrologia, chimica dell’acqua, ecologia, ecc.) (APAT & CTN_NEB, Zone Umide in Italia, 2005). Le tipologie di classificazione condivise a livello internazionale, Corine Biotopes, Ramsar e MedWet, si basano sulla legislazione in materia di acque, le direttive europee sugli habitat e sugli uccelli e la convenzione di Ramsar. In particolare, la tipologia di classificazione Ramsar suddivide i differenti ambienti in funzione della conservazione dell’avifauna acquatica e pone nella classificazione degli ambienti le Zone Umide Artificiali. Le Aree Umide Artificiali sono strutture realizzate dall’uomo sia per ridurre il rischio idraulico lungo un bacino idrografico, sia come bacini di raccolta di acque destinate a diversi usi. Le stesse aree umide artificiali in certi casi hanno subito una “naturalizzazione” tale da renderle zone sottoposte a tutela. Inoltre negli ultimi decenni si è assistito ad un aumento di interesse delle aree umide artificiali e non, per il trattamento delle acque reflue civili. In materia di pianificazione ambientale delle acque rivestono particolare importanza a livello comunitario due direttive: la Direttiva 271/91/CEE concernente il trattamento delle acque reflue urbane, e la Direttiva 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall’inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole. Il 22 dicembre 2000 è entrata in vigore la direttiva quadro nel settore delle acque, la Direttiva 2000/60/CE, secondo la quale ogni Stato membro deve individuare tutti i bacini idrografici presenti nel proprio territorio ed assegnarli a distretti idrografici.

Anteprima della Tesi di Barbara Cecchetti

Anteprima della tesi: Zone umide artificiali per la depurazione di reflui civili; valutazione dell'efficienza depurativa dell'impianto di Dicomano, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Barbara Cecchetti Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1853 click dal 06/09/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.