Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Magistrato alle Acque di Venezia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 istituto totalmente innovativo, il Magistrato alle acque, che dal 1501 è al centro del governo delle acque, della loro regolazione, utilizzazione e difesa dalle aggressioni. La sua costituzione è così riferita da uno storico dell’epoca, Bernardino Zendrini: “Devolutasi l’anno 1501 la materia delle acque come tutte le altri più gravi della Repubblica alla Eccelsa autorità del Consiglio dei X con l’aggiunta, una delle prime ispezioni fu di rimanere sotto il regio Fisco tutte le proprietà le quali state distratte in passato erano possedute dai particolari in laguna. […] Eransi retti gli affari delle acque sino a quei tempi, […], con collegi deputati dal Senato che si andavano formando secondo l’esigenza delle materie. Ed al certo prima del 1486 non vi fu stabile sorta di Magistrato; solamente da allora in qua pare che non fosse interrotta l’elezione di tre soggetti col nome di Provveditori sopra la acque, a’ quali anco fu conceduto entrare in Senato, senza voto però, come si è veduto sotto l’anno 1486. Ma in quest’anno 1501 li 7 di Agosto fu dal Consiglio di X stabilita la elezione di tre Savi sopra le acque perché dovessero stare nel Magistrato due anni, avessero l’ingresso nel Senato senza la facoltà di votare, potessero entrare nel Consiglio di X allorché si trattassero materie appartenenti alle acque, senza voto però, a riserva se alcuno di essi fosse della Giunta, nel qual caso avessero l’autorità di proporre nel detto Consiglio o uniti o separati qualunque parte attinente le acque, purché della loro opinione fosse o un consigliere, ovvero un Capo del predetto eccelso Consiglio.” 2 Il compito che si proponeva di espletare la nuova istituzione era assai complesso, proprio perché in precedenza era mancata un’azione omogenea che ne convalidasse l’indirizzo e perché le iniziative autonome erano scoordinate e talvolta contraddittorie. 2 B. ZENDRINI, Memorie storiche dello stato antico e moderno delle lagune di Venezia e que’ fiumi che restarono divertiti per la conservazione delle medesime, Padova, Stamperia del Seminario, 1811

Anteprima della Tesi di Elisabetta Gavasso

Anteprima della tesi: Il Magistrato alle Acque di Venezia, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Elisabetta Gavasso Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3074 click dal 08/09/2006.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.