Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il nesso causale nella responsabilità medico-chirurgica e da esposizione a sostanze tossiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Capitolo I Le teorie sulla causalità. Il rapporto causale nel codice penale italiano. In diritto penale, più precisamente nella teoria generale del reato, la funzione della causalità è quella di attribuzione di un fatto criminoso ad un dato soggetto (c.d. “funzione ascrittiva della causalità”). Il ruolo teleologico appena indicata in capo alla causalità, porta quest’ultima ad occupare “un posto fondamentale nella storia del diritto penale, perché segna il passaggio dalla ‘responsabilità per fatto altrui” verso la ‘responsabilità per fatto proprio’” (cfr, ovviamente, in tal senso, art. 27 Cost). (Mantovani, Diritto penale, 2001, 145). La categoria della causalità giuridica è stata dunque sottoposta ad un serrato dibattito interpretativo, che, fatte salve numerose sfumature esegetiche, può essere sostanzialmente ricondotto a quattro grossi filoni dottrinari: la teoria della causalità naturale, o teoria della condicio sine qua non o dell’equivalenza delle condizioni, la teoria della causalità adeguata, la teoria della causalità umana ed, infine, la teoria della condicio sine qua non corretta col metodo della sussunzione sotto leggi scientifiche. In realtà, come emergerà meglio nel prosieguo, le ultime tre, e non soltanto l’ultima, possono ben intendersi come correttivi della prima e fondamentale enucleazione teorica. La prima è più risalente teoria fu enunciata nel secolo XIX dal criminalista tedesco Von Buri e concepisce la causalità in termini logico-naturalistici; più precisamente si affermava dallo studioso germanico che causa di un evento è l’insieme delle condizioni necessarie e sufficienti a produrle. In quanto tutte concorrenti nella produzione, le cause si equivalgono e non è dato stabilire tra esse alcuna forma di graduazione per importanza e\o incidenza. I numerosi inconvenienti logico-operativi cui può dar vita l’approccio de quo nell’imputazione di un fatto ad un soggetto, sia per eccesso sia per difetto (su cui si rinvia per una

Anteprima della Tesi di Stefano Palmisano

Anteprima della tesi: Il nesso causale nella responsabilità medico-chirurgica e da esposizione a sostanze tossiche, Pagina 1

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Stefano Palmisano Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4345 click dal 11/09/2006.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.