Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi del 1929 in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 della Banca d’Italia, la cui funzione di creditore di ultima istanza portò ad avere un livello eccessivo di immobilizzazioni; ma, a partire dalla metà del 1933, anche quello di sostituire la banca mista nella promozione, coordinamento e riorganizzazione di interi settori produttivi. In sostanza il suo compito era duplice: completare l’organizzazione creditizia del paese così da poter offrire credito a medio-lungo termine alle industrie, una volta abolita definitivamente la banca mista, e di riorganizzare, come holding, a livello tecnico e finanziaro, l’attività industriale del paese sconvolta dalla crisi. Nel periodo 1933-35 viene fatta una scelta a favore di un consistente interventismo statale, varando l’autarchia ( paragrafo 2.5 ) e il piano regolatore dell’economia. Gli strumenti finanziari di questa nuova politica furono prima l’IMI e poi L’IRI che indirizzarono i risparmi verso i settori prioritari, quelli autarchico-bellici per l’appunto. La scelta di tale linea di condotta venne istituzionalizzata con la creazione delle corporazioni. La dottrina corporativa afferma che è possibile e necessario intervenire nell’ordine economico ed introdurvi una disciplina intesa ad armonizzare gli interessi contrastanti tutelando, sopra ogni altra cosa, l’interesse superiore dell’economia nazionale. Oltre al contenimento delle importazioni, che rimane il punto cardine del sistema

Anteprima della Tesi di Maurizio Giorgi

Anteprima della tesi: La crisi del 1929 in Italia, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maurizio Giorgi Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 21579 click dal 13/09/2006.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.