Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecnologie web a supporto dei servizi dello Sportello Unico del Lavoro nel Sud-Ovest milanese: il caso dei Centri Lavoro

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 CAPITOLO 1: I CENTRI LAVORO Nel 1997 il Decreto Legislativo numero 469/1997 1 attribuisce, in via definitiva, agli Enti territoriali nuovi compiti relativi al collocamento e in materia di politica attiva del lavoro; le Regioni vengono incaricate della riorganizzazione territoriale dei servizi per il lavoro e a loro volta esse delegano questa funzione alle Province e ai rispettivi Enti Locali. La legge regionale della Lombardia, emessa per l’attuazione del Decreto Legislativo, afferma: “Gli interventi previsti dalla presente legge sono diretti ad integrare i servizi per l’impiego resi sul territorio, le politiche attive del lavoro e le politiche formative, al fine di sviluppare un mercato del lavoro aperto e trasparente che incentivi l’incontro tra domanda e offerta di lavoro” 2 . Alle Province si chiede di costituire una rete di Centri per l’Impiego finalizzati a fornire servizi individuali e collettivi di orientamento, preselezione e incontro tra domanda e offerta. La Provincia di Milano ha dovuto così svolgere mansioni volte a ridare slancio al mercato del lavoro, tramite la programmazione e il coordinamento di iniziative, aventi lo scopo di incrementare l’occupazione e di incentivare l’incontro tra cittadini e aziende; affinché queste nuove funzioni fossero messe in atto, la Provincia di Milano elabora i Centri Lavoro, con l’obiettivo di cominciare un progetto finalizzato alla definizione di un sistema di valutazione e monitoraggio delle attività e dei servizi erogati dai Centri stessi. Il nuovo Collocamento, dopo la riforma, deve puntare sul decentramento, per essere più vicino agli utenti interessati, sull’eliminazione della burocratizzazione, per diminuire i tempi di attesa e eliminare la documentazione inutile, e infine sulla modernizzazione. Ai nuovi Uffici, nati dalla riforma del mercato del lavoro, vengono affidati nuovi compiti 3 , per agevolare innanzitutto i soggetti in difficoltà. 1 VARESI P. [1999], “I nuovi poteri delle Regioni in materia di lavoro alla luce della Legge 15 Marzo 1997 numero 59 e del Decreto Legislativo 23 Dicembre 1997 numero 469”. Franco Angeli, Milano. 2 Legge Regionale numero 1 del 1999 articolo 1 comma 2 3 BENINI R. & SERRAO M. [2001], “Nuovi servizi per l’impiego. Leggi esperienze, modelli organizzativi e professionali” , Donzelli, Roma.

Anteprima della Tesi di Daniela Spoto

Anteprima della tesi: Tecnologie web a supporto dei servizi dello Sportello Unico del Lavoro nel Sud-Ovest milanese: il caso dei Centri Lavoro, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Daniela Spoto Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 386 click dal 04/10/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.