Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione aziendale e le sponsorizzazioni sportive: una analisi di benchmark dei principali mercati europei

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

livello gerarchico, tanto più l’attenzione si volgerà non al presente, ma al futuro dell’impresa” 3 . Da quanto detto, perciò, il Taylorismo non si riduce ad essere solo un modo di organizzare il lavoro operaio, ma va considerato come una vera e propria concezione organizzativa completa. Attraverso l’eliminazione delle cause di attrito e d’incomprensione che si creano tra datori di lavoro ed operai, quindi, si favorisce l’instaurazione di un clima di cooperazione necessario per aumentare il valore aggiunto dei loro sforzi. Se ciò accade, l’operaio medio dell’industria accresce il suo rendimento e ciò genera una serie di conseguenze che vanno, poi, a sfociare nel miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori e quindi della società. Per raggiungere gli obiettivi prefissati, tutte le figure presenti all’interno del modello tayloristico (operai, dirigenti, datori di lavoro) teoricamente dovevano risolvere le proprie incomprensioni e cooperare (ognuno secondo il proprio ruolo); sotto un profilo pratico, questo non si verificò. La più importante applicazione del Taylorismo fu, infatti, il Fordismo, chiamato così perché fu Henry Ford 4 il primo industriale che, nel 1913, l’adottò come sistema organizzativo nella sua fabbrica di Island Park. L’industriale americano, però, affiancò al taylorismo anche la meccanizzazione spinta dei processi produttivi (che sfociarono poi nella catena di montaggio) e la standardizzazione dei prodotti finali. 3 Bonazzi G., Op.Cit. 4 Capostipite e fondatore dell’attuale brand automobilistico americano, Henry Ford era solito dire: “Gli americani possono avere la macchina di qualsiasi colore, purchè sia nero.” Nel 1913 introdusse la catena di montaggio per la costruzione della Ford T, modello di punta della produzione Ford di cui vendette 15 milioni di esemplari. - 7 -

Anteprima della Tesi di Luca Clemente

Anteprima della tesi: La comunicazione aziendale e le sponsorizzazioni sportive: una analisi di benchmark dei principali mercati europei, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luca Clemente Contatta »

Composta da 520 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3272 click dal 11/10/2006.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.