Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Asimmetria informativa e responsabilità precontrattuale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Claudio Tagliapietra – Asimmetria informativa e responsabilità precontrattuale 4 mancata rivelazione di informazioni. Si approfondiranno altresì le diverse conseguenze auspicate dalla teoria di Kronman in dipendenza del tipo di informazione coinvolta e le soluzioni che la letteratura giuseconomica prospetta per il problema in questione. Si di- scuteranno infine le implicazioni della teoria generale della nondisclosure di Wonnel, ed in particolare i quattro fattori che l’autore evidenzia affinché siano possibili gli effi- ciency gains da nondisclosure. Kronman, introducendo la connessione fra errore, allo- cazione del rischio e tipo di informazione non rivelata, ne auspica la rivelazione in rela- zione all’allocazione che dei rischi hanno fatto le parti o a quella che dovrebbe fare il giudice, identificando il miglior mistake preventer, in relazione alla natura dell’informazione stessa, Wonnel invece acconsente alla nondisclosure quando condan- narla o tollerarla risulterebbe inefficiente nel senso di Kaldor Hicks, valutati i fattori ri- levanti per il mantenimento della dicotomia sinallagma-fiducia fisiologica nei contratti e i fattori rilevanti per gli efficiency gains. Si commentano le implicazioni “politiche” dell’adozione del criterio efficientistico paretiano piuttosto che di quello di Kaldor- Hicks. Nel Capitolo 3 si considera l’approccio dei diversi ordinamenti positivi al problema della responsabilità precontrattuale nel caso di asimmetria informativa. Si discute in prima battuta dell’ordinamento italiano e poi di quello francese come esponenti della tradizione di Civil Law. Si vedrà come l’art. 1337 del Codice italiano civile sia considerato una clausola ge- nerale direttamente applicabile alle trattative contrattuali. Il lavoro negli anni di giuri- sprudenza e dottrina ha contribuito alla estrinsecazione del generico dovere di buona fe- de nelle trattative in una serie di “doveri precontrattuali”, fra cui anche il “dovere di da- re informazioni” che, ove violato, può dar vita a responsabilità precontrattuale. Ci si chiede quindi, una volta accertata la responsabilità di quel tipo, quali siano le conse- guenze patologiche per il contratto e come possa essere quantificato il danno da risarcire alla parte lesa. Relativamente all’ordinamento francese, la dottrina divide in tre periodi storici lo sviluppo del “dovere di informare”; nel codice civile francese attuale non v’è alcuna di- sposizione direttamente riferita alla responsabilità precontrattuale e si cerca di capire come la dottrina e la giurisprudenza cassazionista francese abbiano qualificato il dovere di informare alla luce di istituti come, ad esempio, la rèticence dolosive.

Anteprima della Tesi di Claudio Tagliapietra

Anteprima della tesi: Asimmetria informativa e responsabilità precontrattuale, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Claudio Tagliapietra Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5886 click dal 23/10/2006.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.