Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il tempo scettico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Francesco Verde IL TEMPO SCETTICO. Lo sviluppo del concetto di xro/noj nel pensiero antico : Sesto Empirico dossografo in “Adversus mathematicos” X , 169-188 13 raccontati, appaiono più lucidamente ; d’ altro canto il poema stesso si muove sullo schema del viaggio e , naturalmente , con il viaggio fa il suo ingresso anche il tempo . Nell’ Iliade il vero protagonista della vicenda non è che l’ azione : ogni riferimento temporale fa da sfondo e serve esclusivamente ad indicare il punto in cui è giunta la narrazione . Inoltre alcuni studiosi contemporanei hanno rilevato che il termine xro/noj in Omero viene usato per indicare il tempo negativo o vuoto , ovvero quei momenti in cui l’ azione dell’eroe ristagna - l’ eroe riposa , si tormenta inutilmente o fa inutili tentativi ; è esattamente per questo motivo che Omero , o chi per lui , in questi casi , non dà mai informazioni sulla quantità di tempo che trascorre : paradossalmente l’ intuizione del tempo nell’ età arcaica compare proprio quando il tempo era assente . Se , al contrario , un eroe combatte e il poeta ne descrive l’ impresa ecco che l’ azione stessa del combattere risulta indiscernibile dal tempo della narrazione , dunque neppure in questo caso si ha la necessità di indicarne la durata : il tempo , in sostanza , si manifesta tramite l’ azione . Qualora , poi , l’ eroe sia in un periodo di inattività , allora si sente la necessità di indicare il tempo con la parola xro/noj . Da Omero in poi due saranno i termini per indicare il tempo : xro/noj e ai)w/n . Esaminando i passi omerici in cui compare ai)w/n 15 ci si rende conto che il poeta usi questo termine per indicare il “tempo determinato” , la durata della vita di ciascun individuo 16 , il suo destino inevitabile , come nel caso di Simoesio 17 ucciso da Aiace Telamonio . Il medesimo significato di ai)w/n è riscontrabile nella Teogonia di Esiodo 18 e sia nella Settima Istmica 19 che nell’ Olimpica II 20 di Pindaro . Il nostro discorso procede verso la riflessione esiodea sul tempo 21 , in particolare nella Teogonia , il primo poema cosmogonico a carattere mitologico nonché il primo poema , stando alle parole di Knox ed Easterling , in cui l’ autore introduce “ se stesso nell’ opera come una persona dotata di fisionomia e ruolo nitidamente incisi ” . Evidentemente l’ attenzione si incentra sulla mitica figura di Kronos , una delle divinità preposte alla genesi del cosmo; gli studiosi contemporanei vanno sempre più convincendosi che la Teogonia si inserisce nella volontà esiodea di spiegare in termini razionali la nascita dell’ universo . Questo non appare del tutto scontato , infatti la razionalità mal si accompagna alle figure mitologiche che il poeta dipinge , eppure ogni divinità della Teogonia ha un valore simbolico , atto a spiegare e a stabilire relazioni tra i vari aspetti della realtà . Esiodo inizia la generazione dal principio in cui esistevano solo Chaos, Gaia ed Eros 22 . Non potendo descriverne l’ intera generazione , si esamina , seppure 15 Su quest’ argomento si consideri almeno E. DEGANI 2001 . 16 Cfr. OMERO, Iliade , V , 685 -IX , 415. 17 OMERO, Iliade , IV , 478 ( una vita - ai)w/n - di corta durata ) . 18 ESIODO, Teogonia , v. 609 ( per lui , per tutta la vita- ai)w=noj- , il male contende col bene ) ; si segnala l’ introduzione all’ edizione italiana ( Milano 2004 ) a cura di G. Arrighetti per chiarezza e profondità (pp. 7-52) 19 PINDARO, Settima Istmica , vv 41-42 ( alla vecchiaia ed al tempo fatale . Sì , tutti quanti egualmente moriamo , ma il destino - ai)w=na - è diverso .). 20 PINDARO, Seconda Olimpica , v. 10 ( li seguì un tempo fatale - ai)w/n - che aggiungeva grazia e ricchezza ). 21 Cfr. S. ROTONDARO 1997 , pp. 141-145 . 22 ESIODO, Teogonia , vv. 116-122 . 23 ESIODO, Teogonia , vv. 167-182 . 24 ESIODO, Teogonia , vv. 459-467 .

Anteprima della Tesi di Francesco Verde

Anteprima della tesi: Il tempo scettico, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Filosofia

Autore: Francesco Verde Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1721 click dal 13/11/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.