Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuove droghe e culture giovanili

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 complesso, dove i fili conduttori sono la pluralità delle identità e la loro reversibilità. In questo contesto i week-end sono zone franche dove sperimentare, con il gruppo dei pari, attraverso l’abbigliamento, la modificazione dei comportamenti e delle percezioni indotte dalle sostanze, una serie di identità diverse, per poi rientrare nell’identità ufficiale di “bravo” o perlomeno “conforme” studente / lavoratore, il lunedì mattina. Il consumo di nuove droghe, a livelli consistenti, soprattutto collegato a contesti di loisir, sembra diventato parte integrante delle abitudini, di ampie fasce giovanili a partire dagli anni ’90. Il trend parte, come molti altri fenomeni sociali, dagli Stati Uniti per approdare, attraverso le feste di Ibiza ed i club londinesi, in tutta l'Europa e, non per ultima, in Italia. Si parla di nuove droghe non solo per designare nuove sostanze, ma per descrivere nuove modalità di consumo-interazione con le sostanze stupefacenti, peraltro già conosciute da decenni, come LSD, Ecstasy e Cocaina. Queste ultime possono essere definite droghe “di contesto”o recreational drug, perché, come detto sopra, il luogo ed il contesto del consumo divengono essenziali. Il consumo diviene rito, il rito dell’Ecstasy “calata” durante il week-end, nelle nottate in discoteca, nei Rave-Party e negli After-Hour. Il rito dell’Ecstasy e lontano da quello del “buco” praticato dalla popolazione dei consumatori di eroina, caratterizzati da un’età media sempre più elevata e da una certa stabilizzazione. L’eroina è diventata, dopo la grande paura dell'AIDS, poco appetibile in quanto evocatrice (soprattutto con il consumo per via endovenosa) di immagini di morte, malattia ed emarginazione. Chi consuma eroina oggi è sempre più ai margini, non frequenta locali, non ha particolari stili di vita od ombra di motivazioni estetiche o ideologiche, se non il ripiegamento nella propria disperazione. Non a caso i consumatori di sostanze “altre” dall’eroina non si considerano “drogati” e difficilmente percepiscono il proprio comportamento come problematico. Non è

Anteprima della Tesi di Daniele Mastri

Anteprima della tesi: Nuove droghe e culture giovanili, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Daniele Mastri Contatta »

Composta da 192 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5467 click dal 08/11/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.