Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il principio del paese d'origine nel diritto comunitario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Tale principio non è conosciuto solo nell’ordinamento comunitario e non vi è stato utilizzato per la prima volta, ma si riscontra anche in altre sedi 7 . In questo lavoro però il discorso sarà focalizzato solo sul principio così come riscontrato nel diritto comunitario: verrà perciò volutamente lasciato da parte 7 Cfr. Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria, Principi informatori per l’applicazione del nuovo accordo su base internazionale, Banca dei Regolamenti Internazionali, 2003. In particolare cfr. principio 1 (“compete all’autorità di vigilanza del paese d’origine la responsabilità di sovrintendere all’applicazione su base consolidata del Nuovo Accordo da parte dei gruppi bancari”), principio 4 (“si renderà necessaria una cooperazione rafforzata e pragmatica tra le autorità di vigilanza legittimamente interessate. L’autorità del paese d’origine presiede alle iniziative adottate al riguardo”) e principio 6 (“nell’applicazione del Nuovo Accordo gli organi di vigilanza dovrebbero comunicare il più chiaramente possibile la divisione dei compiti tra autorità del paese d’origine e del paese ospitante ai gruppi bancari che presentano una significati va operatività internazionale in molteplici giurisdizioni. L’autorità del paese d’origine assume un ruolo guida nel coordinamento di tale processo, in collaborazione con gli omologhi organi dei paesi ospitanti”). Si veda inoltre l’art. 5 della Convenzione di Berna per la protezione del diritto d’autore sulle opere letterarie e artistiche firmata il 9 settembre 1886 e successivamente rivista a Berlino, il 13 novembre 1908, a Roma, il 2 giugno 1928, a Bruxelles, il 26 giugno 1948, a Stoccolma, il 14 luglio 1967, e infine, a Parigi, il 24 luglio 1971, a proposito del quale si veda PELLEGRINO R., I trattati internazionali, pubblicato sul sito http://www.dirittodautore.it/page.asp?idpagina=140, in particolare: “Altro criterio di collegamento territoriale è quello del luogo di origine dell’opera. Per Paese di origine si intende, secondo l’art. 5, par. 4 della Convenzione di Berna, il Paese dell’Unione dove è avvenuta la pubblicazione, se si tratta di opere pubblicate. In caso di opere non pubblicate, o pubblicate in un Paese terzo rispetto all’Unione, o rese pubbliche in un Paese unionista ma con modalità che non soddisfano i requisiti previsti dall’art. 3, par. 3, il Paese di origine è quello al quale l’autore appartiene, di cui ha la nazionalità. L’individuazione del Paese di origine, così ottenuta, non serve per determinare le opere tutelate dal regime convenzionale, ma per determinare la durata della protezione ex art. 7, par. 8: la durata pur essendo regolata dalla legge del Paese dove è richiesta la tutela, non può comunque eccedere quella stabilita dal Paese di origine”. - 3 -

Anteprima della Tesi di Enrico Tancredi

Anteprima della tesi: Il principio del paese d'origine nel diritto comunitario, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Enrico Tancredi Contatta »

Composta da 230 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3693 click dal 21/11/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.