La pubblicità comparativa tra concorrenza e tutela del consumatore

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Nel particolare, tra gli articoli maggiormente attinenti alla comparazione pubblicitaria, dobbiamo menzionare il 22, dove vengono chiarite le condizioni di liceità della pubblicità comparativa. 12 A conclusione di queste considerazioni è importante segnalare come il nuovo Codice possa meglio tutelare i consumatori, attraverso una disciplina unitaria e ben definita. Precedentemente all’attuazione del Codice del consumo, la disciplina pubblicitaria, era contenuta nel decreto legislativo 74 del 1992, che dava attuazione, in Italia, alla direttiva comunitaria 84/450/CEE, relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative degli Stati membri, in termini di pubblicità ingannevole. 13 1. 3. Tipologie di Comparazione: Diretta, Indiretta e Suggestiva Proprio l’evoluzione della pubblicità da vita all’elemento “Comparativo”, che si pone come un ulteriore mezzo della lotta concorrenziale, in cui si fondono componente suggestiva con quella informativa rischiando di compromettere lo stesso equilibrio di concorrenza. 14 Come detto, quindi, attraverso questa nuova modalità di comunicazione pubblicitaria, un’impresa promuove i propri beni e servizi mettendoli a confronto con quelli dei concorrenti. Tali concorrenti possono essere individuati genericamente o invece specificamente. Nel primo caso si parla di pubblicità comparativa Indiretta (ad esempio l’attribuzione, da parte di un impresa, al proprio prodotto, di pregi unici, non posseduti da nessun altro prodotto); mentre nel secondo caso si parla di pubblicità comparativa Diretta (ad esempio quando i concorrenti vengono resi riconoscibili). 15 12 Le condizioni di liceità sono elencate nell’articolo 22 del Codice del Consumo, nella presente tesina presentate nel Capitolo 2, al punto 2.4. 13 Vedi paragrafo 2.1 dove viene descritto l’intero iter legislativo, dalla proposta di direttiva del 1975 alla direttiva comunitaria 84/450 e successivamente nel paragrafo 2.2 le evoluzioni con la nuova direttiva comunitaria 97/55. 14 In tal senso si è espresso Paciullo, La pubblicità comparativa nell’ordinamento italiano, in Diritto dell’Informazione e dell’Informatica, pag.115. 15 Qual è la definizione di Pubblicità nella legge in www.agcm.it.

Anteprima della Tesi di Vito Pace

Anteprima della tesi: La pubblicità comparativa tra concorrenza e tutela del consumatore, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Vito Pace Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4267 click dal 16/01/2007.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.