Sigillografia e sfragistica ligure medievale: indagini e proposte

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 …Tolomeo nel Centiloquio 18 dice che le immagini delle cose inferiori sono soggette ai volti celesti, e che gli antichi sapienti erano soliti fabbricare certe immagini, quando i pianeti in cielo entravano in figure che erano simili, quasi esemplari delle cose inferiori…e afferma che così si fece ai suoi tempi in Egitto e lui stesso era presente quando con un sigillo con l’immagine dello scorpione così fatto in una pietra bezoar veniva impressa la figura nell’incenso, e l’incenso veniva dato in una bevanda ad un uomo che era stato punto dallo scorpione, e subito era guarito… (III, 13). Altrettanto interessante è poi il paragrafo 18 sempre nel libro III nel quale Ficino passa in rassegna le immagini celesti che si imprimevano a seconda della finalità e nella relativa congiunzione astrologica. Seppure in modo marginale, questo argomento riguarda anche i sigilli che dovevano, pare, in qualche modo avere un ruolo scaramantico e non taumaturgico. Benché creati con funzioni diverse da quelle insite nelle gemme incise o negli altri amuleti in metallo, la procedura tecnica era pressoché identica sia nel momento della fusione che in quello della incisione. Risulta quindi abbastanza probabile che anche i sigilli avessero, oltre alle valenze già illustrate, un ulteriore valore simbolico simile a quello attribuito ai prodotti della glittica. Un esempio interessante è costituito da una particolare tipologia di sigilli: i cosiddetti “sigilli dei pianeti”. Questi recavano le iscrizioni “SIGILLUM VENERIS” o con i nomi degli altri pianeti. In realtà però non si trattava di veri tipari, ma di medaglie che su una faccia portavano la raffigurazione di una divinità pagana e sull’altra il quadrato magico relativo al pianeta indicato dalla leggenda: il loro uso era quindi strettamente legato a pratiche scaramantiche. 18 Cfr. Ps.-Tolomeo, Centiloquium, aforisma 9, Venezia 1493.

Anteprima della Tesi di Francesco Gamberoni

Anteprima della tesi: Sigillografia e sfragistica ligure medievale: indagini e proposte, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Gamberoni Contatta »

Composta da 336 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1251 click dal 22/01/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.