Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Notizia Promozionale, la notizia fra obiettivo pubblico e pubblico obiettivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

da un modello più veloce, mosso grazie alla forza del vapore, per soddisfare le vendite in vertiginosa ascesa, già nel 1835 “the Sun” utilizzava una pressa capace di stampare circa 18.000 copie l’ora. A seguire l’esempio del “Sun” è il “New York Transcript”, nato nel 1834 e diretto dallo scrittore satirico Asa Green, in sei mesi raggiunge le 9 mila copie vendute. Sarà poi il “New York Tribune” che nel 1859 inaugurerà un nuovo genere giornalistico, per la prima volta la stampa non si limiterà a registrare un evento ma ne provocherà attivamente la nascita attraverso l’intervista, riportandola sul giornale con le virgolette a delineare le parole dell’intervistato. Nasce così uno dei rituali strategici del giornalismo moderno ossia la citazione diretta della fonte come prova di obiettività e attendibilità del giornalista. Nel maggio dell’anno successivo nasce il “New Morning Herald”, nonostante il suo capitale iniziale sia di 500 dollari, contro i 3 mila del “Tribune”, costa un penny. Realizza in poco tempo una rete di corrispondenti che si estende fino in Europa (a partire dal 1841). E’ il primo giornale a inaugurare la prassi delle edizioni straordinarie in occasione di eventi di particolare rilevanza; dedica ampio spazio alla cronaca nera e all’informazione economica e sportiva. Il successo del filone penny press è quindi totale, le testate in circolazione passano nel giro di dieci anni da 65 a 138, I nomi dei giornali cessano di richiamare il lessico commerciale delle gazzette del secolo precedente, quali “Adviser” e “Mercantile”, per assumere nomi suggestivi come “Herald”, “Tribune”, “Star”, “Sun”, più adatti al pubblico di nuovi lettori a cui erano destinati, un pubblico meno specializzato e quindi molto più ampio. 10

Anteprima della Tesi di Francesco Sturlese

Anteprima della tesi: Notizia Promozionale, la notizia fra obiettivo pubblico e pubblico obiettivo, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Francesco Sturlese Contatta »

Composta da 260 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 781 click dal 16/01/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.