Advergame: quando la pubblicità diventa un gioco

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Effettivamente gli spot non funzionano più e le grandi imprese hanno iniziato la fuga dalla televisione. Doveva succedere: nella società della comunicazione in cui i cittadini vengono bombardati senza sosta da immagini e suoni tutti tesi a stimolarne gli acquisti, le persone ormai sature d’informazioni non reagiscono più agli stimoli, se non a dosi sempre più insistenti e per questo fastidiose 2 . L’arroganza delle merci ci sommerge di così tanti segnali che occupano ogni interstizio della nostra esistenza, che ormai non percepiamo più. Complice tale sovraffollamento di messaggi, i margini di memorizzazione e di ricordo delle campagne sono diventati talmente bassi da rendere vani tutti gli sforzi intrapresi in strategie di brand equite e brand awareness. Così la sensazione della morte della pubblicità si diffonde rapidamente cominciando ad agitare i sonni di creativi, art director, ma anche dei marketing manager e imprenditori stessi. Più che di morte della pubblicità, possiamo parlare di crisi del modello tradizionale di comunicazione pubblicitaria, quella del mass market, per intenderci, che è venuta fuori in tutta la sua problematica a partire dagli anni ‘90 3 . A contribuire al forte decremento dell’impatto advertising classico sui rispettivi target concorrono una molteplicità di fattori tra cui, oltre alla sua pervasività e ripetitività, l’avvento dei nuovi media e la più generale disaffezione nei confronti dei media di massa e generalisti 4 . A tale situazione, secondo Ballardini, non hanno certamente giovato i pubblicitari italiani, che per tutti gli anni d’oro della pubblicità (gli ’80, quelli dei budget miliardari) si sono fossilizzati sulla comunicazione TV diretta quale unica forma di comunicazione possibile. Oltre a 2 M.Pagliaro, La pubblicità muore, tratto da www.advertiser.it. 3 Pitteri D., Papakristo, Archeologia della pubblicità, Liguori, Napoli, 2003. 4 Bassat L., Livraghi G., Il nuovo libro della pubblicità, Il Sole 24 Ore, Milano, 2005.

Anteprima della Tesi di Davide Erriques

Anteprima della tesi: Advergame: quando la pubblicità diventa un gioco, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Davide Erriques Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3451 click dal 17/01/2007.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.