Le problematiche giuridiche del transhipment

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Infatti l’onere è un <> 18 . Il compimento di tale comportamento è rimesso alla piena discrezionalità del titolare, che può provvedervi o meno. L’omissione del comportamento non comporta, comunque, una conseguenza sanzionatoria sfavorevole al titolare, a parte la mancata realizzazione dell’interesse, la quale non può nemmeno essere considerata una conseguenza sfavorevole: essa si sostanzia soltanto nell’assenza di una conseguenza favorevole. Da qui si può desumere che una norma introduca un onere se da una determinata condotta del soggetto, che ne è destinatario, faccia discendere in capo ad esso una conseguenza favorevole (la realizzazione dell’interesse) e dall’astensione da quella medesima condotta non faccia derivare alcuna conseguenza sfavorevole (sanzione) 19 . A questo punto bisogna notare che nell’art. 429, il legislatore sembra aver fissato il principio della divisibilità della prestazione di trasporto marittimo di cose determinate e, perciò, la retribuibilità della prestazione parziale, interrotta per causa non imputabile al vettore, in quanto tale prestazione parziale possa in concreto risultare utile al caricatore. In generale, quindi, la parte la cui prestazione è divenuta solo parzialmente impossibile dovrebbe conseguire un nolo proporzionato alla prestazione parziale eseguita, purché quest’ultima risulti, come detto, utile per il creditore. Di conseguenza, escludere la retribuzione della prestazione parziale nonostante vi sia la suddetta utilità per il creditore, come effetto del non compimento di un determinato comportamento, nella specie il trasbordo, vuol dire in realtà sanzionare tale inadempimento. E’ quello che accade, appunto, nella previsione di cui all’art. 429 cod. nav., il quale esclude la retribuzione del vettore per il tratto percorso ove quest’ultimo non provveda ad operare per l’inoltro a destinazione. Questo dimostra la natura di un vero e proprio obbligo, e non già di un semplice onere, dell’inoltro a destinazione della merce per conto del caricatore, che assume così la veste di spedizioniere (art. 1737 cod. civ.): solo se il vettore assolve a quest’obbligo, può pretendere il nolo per il tratto effettivamente percorso; in caso contrario in cui non vi provveda, salvo che ciò dipenda da impossibilità, al mancato adempimento consegue, quale sanzione, la perdita del nolo di distanza. E’inoltre indubitabile che l’inoltro a destinazione per conto del caricatore non costituisce il contenuto normale della prestazione del vettore marittimo di cose. In realtà, le due prestazioni (di trasbordo e di spedizione) non assumono mai dimensione unitaria, nonostante la loro contiguità spazio-temporale, perché, come accennato, non esiste alcun assorbimento casuale di una prestazione nell’altra. L’obbligo di inoltrare sorge lì dove termina l’obbligo di trasportare 20 . Il meccanismo mediante il quale il vettore assume la veste di spedizioniere, posto che l’obbligazione di trasporto non viene esattamente ed integralmente adempiuta, a seguito della sopravvenuta impossibilità, consiste in un modo di estinzione dell’obbligazione diverso dall’adempimento in ragione del quale, peraltro, viene a sorgere la diversa obbligazione in base ad una novazione legale della obbligazione di trasporto in quella di spedizione della merce a destino per conto del caricatore 21 . 17 Cass. 18 settembre 1961, n.2029, in Dir. mar., 1963, 492, con nota di SCAGLIONE; Cass. 31 ottobre 1961, n.2518, in Giust. civ., 1962, I, 1335; App. Trieste 5 giugno 1963, in Dir. mar., 1965, 142; FIORENTINO, I contratti navali, Napoli, 1959, 117; DE VITA, cit., 178. 18 SANTORO PASSARELLI, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 1978, 74; SCOZZAFAVA, Onere, in Enc. dir. XXX, Milano, 1980, 99. 19 COMENALE PINTO, cit., 266. 20 PESCATORE, Clausola di trasbordo e polizza diretta, in Riv. dir. nav., 1968, 13. 21 COMENALE PINTO, cit., 272.

Anteprima della Tesi di Alessandro Lallai

Anteprima della tesi: Le problematiche giuridiche del transhipment, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Lallai Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1062 click dal 18/01/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.