La rappresentazione perspicua di Ludwig Wittgenstein

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

PARTE PRIMA BIOGRAFICA La piacevole sensazione di un leggero brivido freddo lungo la schiena quando, es- sendo di buonumore, si comprende la pro- pria solitudine. 2 1. Incipit Ludwig Joseph Johann Wittgenstein nasce in Austria, a Vienna, il 26 aprile del 1889, ottavo e ultimo glio di Karl Wittgenstein e Leopoldine Kalmus, e muore a Cambridge, da cittadino britannico, nel 1951, sempre in primavera, il 29 di aprile (pochi giorni dopo aver compiuto 62 anni), a casa del suo medico, il dottor Bevan (perchØ non intende morire in un ospedale), a causa di un cancro (che sceglie di non curare perchØ non ha alcun desiderio di continuare a vivere). «Dica loro che ho avuto una vita meravigliosa», sono le ultime parole che sussurra alla moglie del dottore poco prima di perdere conoscenza. «Dio potrebbe dirmi: ti giudico come tu stesso ti sei giudicato. Le tue azioni ti hanno fatto fremere di disgusto quando le hai viste negli altri», 3 sono tra gli ultimi pensieri che annota prima di morire. Al suo funerale presso la chiesa di Saint-Giles, a Cambridge, padre Conrad (il frate domenicano che gli era stato presentato, su richiesta di un prete "non loso co", da Elizabeth Anscombe, una sua cara allieva, amica e collaboratrice), legge questo breve passo tratto dai taccuini del losofo: Quando qualcuno Ł morto, vediamo la sua vita sotto una luce conciliante. La sua vita pare levigata da una 7 2 Wittgenstein 1987, p. 91. 3 Jaccard 1998, p. 78; Wittgenstein 1977, p. 161.

Anteprima della Tesi di Claudia Marchetti

Anteprima della tesi: La rappresentazione perspicua di Ludwig Wittgenstein, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudia Marchetti Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2862 click dal 22/01/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.